Visualizza articoli per tag: stampa

La follia economica? Produrre merci che nessuno acquista ma che viaggiano sul territorio, inquinando l’aria e impegnando i negozianti a spacchettarla, esporla e restituirla. La logica ci dice che un’attività del genere non può esistere ed invece, nel nostro squinternato Paese, esiste da sempre ed è quella della stampa di quotidiani e periodici e della loro vendita presso le edicole. Un’inchiesta di Bernardo Jovene, del team di inchiesta di Milena Gabanelli e di «Report», ha documentato la follia economica con il suo solito metodo: dare il massimo ascolto all’anello debole della catena produttiva, in questo caso gli edicolanti.

Pubblicato in Fatti & Opinioni

ROMA - Da uno studio internazionale  emerge un quadro inquietante sull'uso del computer da parte dei minori. Infatti un ragazzo su tre (31%) tra i 16 e 17 anni ammette di avere avuto incontri, anche intimi, con persone conosciute in rete.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - "Personalmente non condanno a priori le relazioni tra adulti e bambini". A dirlo non è nientepopodimeno che  il capo dei Salesiani per l'Olanda, padre Herman Spronck,  il quale sta già provocando una reazione a catena per le inquietanti parole, per di più dal tono spregiudicato, pronunciate in un'intervista rilasciata a rtl.nl e rilanciata dal sito  Messa in latino. 

Pubblicato in Società

GENOVA - Il parroco della chiesa di Santo Spirito di via Calda di Sestri Ponente è stato arrestato dai carabinieri del Nas di Milano per violenza sessuale su minore. Il parroco arrestato si chiama don Riccardo Seppia ed è nato nello stesso luogo dove gestisce la parrocchia, il primo maggio 1960. Sull'inchiesta al momento gli investigatori mantengono uno stretto riserbo, ma, da quanto si è appreso, il reato sarebbe stato compiuto a Genova, benchè ad eseguire l'arresto sarebbero stati i carabinieri del Nas di Milano. Questi ultimi hanno agito insieme con i colleghi del Comando provinciale di Genova. Don Riccardo prima di diventare parroco a Sestri Ponente, nel 1996, è stato nella chiesa di San Giovanni Battista, a Recco (Genova) e poi in quella di San Pietro di Quinto (sempre nel Levante genovese), in val Brevenna (nell'entroterra di Genova).

La vicenda che ha determinato oggi l'arresto del parroco della chiesa di Santo Spirito di Genova Sestri Levante, don Riccardo Seppia, per abusi su minore e cessione di sostanze stupefacenti è emersa nel corso di un'altra inchiesta che stavano svolgendo i carabinieri del Nas. I militari, infatti, stavano lavorando su tutt'altra vicenda: nel corso delle indagini si sono «imbattuti» nei fatti che poi hanno determinato l'arresto del sacerdote. Don Riccardo Seppia, secondo quando trapela dagli inquirenti, avrebbe avuto rapporti sessuali con un ragazzino genovese di 16 anni. Secondo gli investigatori, gli abusi sarebbero stati ripetuti e si sarebbero protratti nel tempo. Non si esclude che possano aver coinvolto anche altri ragazzi della zona. Nell'indagare e intercettare alcune persone nell' ambito di una inchiesta riguardante un presunto traffico di cocaina nel capoluogo ligure che avrebbe coinvolto anche minorenni, i carabinieri si sarebbero «imbattuti» nell'adolescente che frequentava don Riccardo. Da alcune telefonate, dunque, gli inquirenti avrebbero accertato e compreso i rapporti tra il sedicenne e il sacerdote.

«Sgomento, vergogna e totale disapprovazione se le accuse dovessero dimostrarsi vere». Sono alcune delle parole che l'arcivescovo di Genova, card.Angelo Bagnasco, ha pronunciato durante l'omelia della messa celebrata questo pomeriggio nella chiesa di Santo Spirito. «Non è soltanto questa comunità ad essere ferita ma tutta la chiesa di Genova - ha aggiunto - ribadisco la mia fiducia nella magistratura». «Questa santa messa - ha proseguito - è per voi e per le vostre famiglie e per chi è stato eventualmente colpito, affinchè la ferita dello scandalo sia sanata». Il cardinale ha preso la parola per pronunciare l'omelia: fino a quel momento la messa era stata concelebrata con un altro sacerdote. Quando è stato il momento del discorso alla comunità religiosa, l'arcivescovo si è rivolto ai fedeli ed ha fatto il suo intervento. Poi, insieme con l'altro sacerdote, ha continuato a celebrare la messa.

Pubblicato in Società
Mercoledì, 27 Aprile 2011 18:39

Wojtyla santo subito o protettore di pedofili

ROMA - Ad una persona pensante non gliene può fregare di meno, direbbero alla Magliana, quartiere periferico di Roma divenuto noto per una celebre fiction, che individui di un’associazione privata, negli spazi che gli sono permessi dalle leggi, vadano in giro travestiti da Arlechin Batocio, cantino canzoni in ungherese,  si dicano l’un con l’altro ‘Manitù è amore’, e poi mettano in effige un defunto della loro setta dicendo che egli aveva poteri sovrannaturali … come Superman.

Pubblicato in Società

ROMA - Se non vi fosse la rete che diffonde ciò che accade realmente nel mondo con i suoi mezzi, - giornali web come Dazebao News, Face Book, Twitter, Blogs, WikiLeaks   ecc., -  la storia che stiamo vivendo cambierebbe sostanzialmente il suo percorso: le rivolte del Nord Africa sono lì a dimostrarlo.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - A quanto pare per sapere la verità su cosa succede nel nostro paese ormai ci si deve affidare a pochissime pubblicazioni, a internet e/o alla stampa estera.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Mercoledì, 17 Novembre 2010 11:24

Chiesa e pedofilia, una tragedia millenaria

Il nuovo libro di Federico Tulli, Chiesa e pedofilia,  fa luce sulla storia della pedofilia nella Chiesa cattolica, dai primi secoli fino agli orrori di oggi

Pubblicato in Letteratura
Etichettato sotto
Pagina 2 di 2

bianco.png