Visualizza articoli per tag: telecom

ROMA - Può accadere che a cavallo tra il vecchio 2015 e il nuovo 2016 un intero quartiere nella periferia di Roma resti senza rete telefonica? Pare proprio di sì. E' accaduto in località Falcognana nella trafficatissima Via Ardeatina a pochissimi chilometri dal famoso Santuario del Divino Amore.

Pubblicato in Dazebao Roma
Etichettato sotto
Lunedì, 09 Dicembre 2013 10:18

MAXXI. Incontro con Armin Linke in live streaming

ROMA  - Ha fotografato le 'stanze segrete' del potere e ne ha fatto un libro e una mostra al Maxxi: dallo studio privato del presidente della Repubblica ai depositi della Banca d'Italia, dalla Moschea alla Sinagoga di Roma.

Pubblicato in Arti visive
Etichettato sotto

ROMA - Un anomalo governo di centro/destra/sinistra per la prima volta nel Ventennio berlusconiano ha gettato la maschera: “stiamo studiando anche la privatizzazione della RAI”, oltre quella totale dell’Eni e delle Poste. Quello che non si è mai azzardato a fare Berlusconi, nonostante la legge Gasparri, figlia del conflitto di interessi, né tanto meno l’iperliberista Monti, oggi lo mettono sul tavolo del risanamento dei conti pubblici un ministro sedicente “keynesiano” come Saccomanni e un viceministro; mentre un grand commis dello Stato, Catricalà si augura di “spalmare” il canone RAI anche ai network privati concorrenti.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Anche oggi discutere di Telecom significa innanzitutto discutere della rete. L’ipotesi di uno scorporo, cioè di separare la rete fonia e dati trasferendola sotto il controllo statale e lasciando quindi la Telecom in mano agli spagnoli sembra essere la via meno impossibile da percorrere. Ma restano ancora sul piatto le ipotesi di modifica delle norme relative all’Opa. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

 

ROMA - Il caso Telecom dimostra che il peggio, per il nostro Paese, deve ancora arrivare. Comunque vada a finire infatti la gestione del passaggio del controllo a Telefonica, che finora è stata dilettantesca, rischia di diventare disastrosa. Vittima del vizio italico di normare ad personam. Sia in favore che contro.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Mercoledì, 25 Settembre 2013 19:27

Telecom. Il governo può e deve muoversi subito

Da tempo gruppi industriali e della moda italiani sono preda di iniziative di gruppi di altri paesi. E’ il mercato, si dice. Fino a un certo punto perché in realtà non esiste una vera reciprocità, perfino nell’ambito europeo.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - Non accenna a placarsi la tempesta sollevata ieri dall’annuncio della modifica dei patti parasociali in Telco che ha reso possibile il trasferimento della testa pensante di Telecom al controllo della spagnola Telefonica.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - E’arrivato stamattina l’annuncio di una complessa operazione che coinvolge la spagnola Telefonica e, per il tramite di Telco, la Telecom. L’effetto finale è che il potere di nomina della maggioranza del Consiglio di Amministrazione di Telecom verrà, a breve, espresso dal partner iberico, ciò che si sposterà è quindi la testa pensante dello storico gruppo italiano, testa che avrà il proprio baricentro a Madrid.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA- Tomaselli (USB): Nazionalizzare le attività produttive.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

MILANO -  Dopo Wind, Fastweb, Omnitel e H3g l’Italia perde anche il controllo del principale operatore nazionale: la spagnola Telefonica, infatti, sale dal 46 al 65% della Telco, la holding che controlla circa il 22,5 di  Telecom Italia, mentre  Generali-Mediobanca-Intesa Sanpaolo , con il 53% delle azioni della società, scende in minoranza.  Il controllo del maggior operatore italiano di telecomunicazioni passa  così a Madrid.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto
Pagina 1 di 2