Giovedì, 27 Ottobre 2016 15:15

Marina Ricci. “Govindo”. Libro-verità su un’adozione straordinaria

Scritto da

Marina Ricci è una giornalista naturalizzata romana.

Nel 1992, quando il TG5 fu fondato, divenne vaticanista del telegiornale allora diretto da Enrico Mentana. Seguì il pontificato di Giovanni Paolo II, quello di Benedetto XVI e, nel 2002, fu fra i quattordici giornalisti che scrissero i testi per la via Crucis del Papa. A novembre del 1996 fu inviata in India perché si temeva per la vita di Madre Teresa di Calcutta: da quel momento inizia la testimonianza di un’incredibile, commovente avventura, frutto dall’impatto tragico tra le Missionarie della Carità, congregazione fondata da Madre Teresa, e Marina Ricci.

Non si riesce a staccare gli occhi dal libro e le lacrime si affacciano nostro malgrado sin dalle prime pagine, quando l’autrice ci coinvolge nell’esperienza dell’orfanatrofio di Shishu Bavan, abitato dai piccoli handicappati raccolti da Madre Teresa. Siamo scossi dall’accento di verità della Ricci che non nasconde paure, sentimenti contradditori, lacerazioni, dubbi, ripulse, voglia di sottrarsi a responsabilità immense.  Lei scrive: “A Calcutta mi sono vergognata come mai nella vita. A quell’impasto grumoso di schifo e malattia, ingiustizia e rassegnazione, ho aggiunto la mia vergogna. La mia incapacità di chinarmi su un bambino crocefisso, la ripugnanza per la puzza di urina, la voglia di scappare quando anche il dolore bambino è sgradevole. (…) Mi sono ritrovata nella sera di Calcutta, in lacrime nel cortile di Shishu Bhavan con un paio di suorine che a distanza sorridevano tutte contente e incitavano: ‘Adoption,adoption’. Fu il colpo finale”

Marina Ricci, squassata da un pianto che contagia il lettore, telefona al marito per chiedergli se il suo cuore avesse ancora posto per un altro bambino e, lui, padre di quattro figli, risponde di sì.   Da quel momento i Ricci si rivelano straordinari: capaci di un amore che, se fosse comune, salverebbe il mondo. Non voglio dilungarmi sull’incontro tra Marina e Govindo, il figlio adottivo affetto dalla sindrome di Cockayne. V’invito a leggere questa testimonianza, fondamentale in un tempo in cui le migrazioni ricordano quelle bibliche e, tanti, com’è risaputo, si oppongono con forza all’accoglienza. Una storia che ci mette in discussione, emoziona e fa riflettere, solleva un mistero che smentisce chi crede che lo sforzo d’amare sia perdente. Scrive Luigi, il figlio medico di Marina Ricci: “Esistono realtà che non possono essere conosciute con l’occhio umano, il microscopio o tramite strumenti diagnostici avanzati. Sono le verità del cuore”.

Marina Ricci

Govindo. Il dono di Madre Teresa.

Premessa di Enrico Mentana

Edizioni San Paolo

Pag. 171 

Euro 14.50

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La marea e l'amore

Il mio amore è come il mare immenso… 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]