Lunedì, 13 Giugno 2022 13:39

Presentato alla Sala Umberto di Roma il libro di Cathy La Torre “Ci sono cose più importanti”. Le foto

Scritto da

ROMA - Un prontuario gentile che vi permetterà di avere sempre una risposta pronta e fondata allannosa domanda: «Ma non ci sono cose più importanti?».

Da qui il titolo del libro scritto da Cathy La Torre, avvocata, attivista che lotta contro il silenzio e il voltarsi dallaltra parte, che ha fatto suoi i diritti di chi è velocemente liquidato come minoranza”, e che ha scelto di difendere chi è vittima di violenza sul web. “Ci sono cose più importanti” - edito Mondadori - è sì un libro, ma anche un manifesto in tournée in tutta in tutta Italia, e che oggi ha conquistato il pubblico presente al Teatro Sala Umberto di Roma.

DSC_2510.fPG.jpgCathy La Torre ha diviso il palcoscenico con tante personalità che da sempre raccontano, con ironia e leggerezza, le disuguaglianze e le minoranze di questa nostra società. Come Cristina Fogazzi, la celeberrima Estetista Cinica che ha insegnato alle donne - e non solo! - a volersi bene e ad accettarsi e sentirsi belle per come si è; e poi Paolo Camilli, Francesco Cicconetti, Dario Cosentino, Paolo Isabettini, l’attrice Valentina Lodovini, Annagaia Marchioro, Pierluca Mariti, Guglielmo Scilla e il duo Edoardo Zaggia e Alberto Sacco.

Decisamente una serata fuori dal comune, ricca di risate, spunti di riflessione e momenti emozionanti, e che ha puntato l’attenzione su quanto la retorica del “ci sono cose più importanti” negli ultimi anni sia diventata una vera e propria tendenza, la risposta prediletta a ogni dibattito scomodo. I giornali e i media parlano solo di temi politicamente corretti. Non si può scherzare più su nulla. Se usi espressioni come signore e signori” vieni accusato di non essere inclusivo. “La famiglia è quella composta da madre e padre, basta con la lobby gay!” “Viviamo in una dittatura del pensiero unico e nessuno lo dice”. Ma è davvero così?

«LItalia è al quarantunesimo posto nella classifica mondiale per la libertà di stampa - commenta  Cathy La Torre - siamo penultimi per tasso di occupazione in Europa. In questo libro ho provato a disegnare un’immaginifica mappa di un viaggio nei diritti che non possono più attendere. Ho usato le parole che conosco, da avvocato, e ho fatto esempi concreti, ho voluto raccontare come altrove hanno fatto, spesso a costo zero, quello che in Italia si rimanda da troppo tempo».

Metà siciliana e metà statunitense - premiata tre anni fa come miglior avvocato pro-bono dEuropa - e conosciuta sui social come @Avvocathy, Cathy La Torre ha provato a rispondere a queste domande secondo il suo stile, quello provocatorio e battagliero, quello che abbraccia e che non esclude, trattando i temi che oggi sono diventati di serie B, ma che siamo sicuri appartengano solo a delle “minoranze”? E così il fine vita, il diritto alladozione o alla genitorialità di persone single o non sposate, i diritti delle persone LGBTQIA+, lo ius soli, la parità fra uomini e donne scivolano lontani nellagenda delle priorità di governo, ma diventano i protagonisti di questa serata, di questo libro, per riprendersi il posto che gli spetta, nella vita quotidiana, perché sono cose molto importanti e sono cose di tutti.

 

 

bianco.png