Martedì, 24 Marzo 2015 11:06

Musica. Buon compleanno Mina!

Scritto da

La più grande cantante italiana di sempre compie 75 anni

“Essere immortale non mi interessa, mi piace invecchiare”  (Mina)

Un mito della musica

Nel vasto panorama della musica leggera italiana degli ultimi ultimi cinquant’anni è sicuramente una delle figure centrali e più rappresentative. Si può affermare che insieme ad Adriano Celentano, sia l’artista più significativa della cultura popolare del nostro Paese. Sicuramente la più grande cantante di sempre. Mina Anna Maria Mazzini il 25 marzo compie 75 anni, un traguardo importante per una donna assolutamente straordinaria, un’artista di rottura pur essendo incasellata nella tradizione italiana del “bel canto”. 

In attività dal 1958, la carriera di Mina è a dir poco eccezionale. Oltre 1500 brani interpretati e 150 milioni di dischi venduti nonostante l'addio alle scene nel 1978. Un successo dopo l'altro, compreso il recente “Selfie” pubblicato a tre anni dall'ultimo album di inediti. La sua voce soprano, potente e limpida è “ambasciatrice” della cultura italiana nel mondo. La sua più importante ‘avversaria’ è da sempre la sofisticata Ornella Vanoni, lombarda come lei, forse più aristocratica e complessa. Attualmente una cantante che può ricordare la sua straordinaria voce è Giorgia, anche se il repertorio che canta non è sempre all’altezza delle sue indubbie doti vocali. Altre cantanti di grande rilievo artistico sono Antonella Ruggiero, Patty Pravo, Caterina Caselli, Loredana Bertè, Mia Martini, Fiorella Mannoia, Carmen Consoli ed Elisa,

Una carriera straordinaria

Nata a Busto Arsizio nel 1940, la tigre di Cremona - come la soprannominò nel 1960 la giornalista Natalia Aspesi - ha collezionato negli anni una serie di successi a partire da “Tintarella di luna” nel 1960. Scritta da Franco Migliacci e Bruno De Filippi, il brano scala le classifiche in Italia e all'estero, diventando il simbolo della canzone italiana del boom economico. Nello stesso anno, Mina partecipa al Festival di Sanremo, classificandosi al terzo posto con “E’ vero”. Nonostante non trionfi, il brano ottiene comunque successo, tanto da costringere la Italdisc a pubblicare tre nuovi 45 giri al mese. La carriera è ormai decollata. “Il cielo in una stanza”, capolavoro scritto da Gino Paoli nel 1960 conquista le classifiche internazionali, vendendo nel tempo due milioni di copie. L’anno successivo Mina si ripresenta a Sanremo con “Mille Bolle Blu” ma viene stroncata dal pubblico, un brutto colpo tanto da farle annunciare in lacrime che non parteciperà più a gare canore.

Non solo musica nella sua carriera ma anche tanta televisione. Memorabili gli anni di “Studio uno” e “Sabato sera”, durante i quali Mina propone brani del suo repertorio, duettando e proponendo sketch. In particolare, durante “Studio Uno” Mina lancia alcune tra le sue hit più importanti come “Sono qui per te”, “Se telefonando”, con il testo scritto da Maurizio Costanzo, “Ta-ra-ta-ta”. Nel settembre del 1966, la cantante lancia un altro dei suoi classici “Sono come tu mi vuoi” e “Mi sei scoppiato dentro al cuore”.

Il ritiro dalle scene

Tuttavia, nel 1972 Mina annuncia il suo ritiro dalla televisione, che avverrà solo dopo “Milleluci” del 1974, uno spettacolo che la vede accanto a Raffaella Carrà e che segna il suo addio al piccolo schermo. La cantante resta sulla scena musicale fino al 1978 quando, in occasione di una serie di concerti a Bussoladomani in Versilia, annuncia l'addio definitivo al palcoscenico: è il 23 agosto.

Prima artista in Italia a indossare la minigonna in spettacoli televisivi e nei concerti, nonostante il ritiro dalle scene, tra gli anni 80 e 2000 continua a sfornare album di grande successo come “Mina live 78” (1978), “Attila” (1979), “Mina 25” (1983), “Mina canta i Beatles” (1993), “Mina Celentano” (1998), fino ai più recenti “Christmas song book” (2013) e “Selfie” (2014). Numerose anche le collaborazioni musicali, da Battisti a Celentano, passando per Giorgio Gaber.

Nonostante l'estrema riservatezza e l’esilio a Lugano dal 1966, Mina non ha mai abbandonato la scena artistica italiana, anzi, negli anni il suo carisma, unito alla sua allure misteriosa hanno fatto di lei un vero mito, una delle colonne portanti della canzone italiana. Un solo altro grande artista è riuscito a conservare il successo pur scomparendo come lei dalle luci della ribalta: il leggendario Lucio Battisti che come Mina, ha rappresentato il vertice artistico e creativo della musica e della cultura popolare del nostro Paese.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]