Giovedì, 06 Marzo 2014 14:57

Fiorello. Se a investirti è un vip

Scritto da

ROMA - Ha avuto vasta eco sulla stampa, alla radio, alla televisione e, contento Grillo, anche nella rete, la notizia dell’incidente stradale occorso a Fiorello, o meglio al Povero Pedone investito sulle strisce  dallo scooter guidato dal popolare showman. E non sono mancati i commenti. Il più sensazionale è quello di una ragazza, certamente fan sfegatata di Fiorello, la quale in un tweet ha scritto: “Che fortunato quel pedone! Pensa, investito da Fiorello! Da non credere!”.

Indubbiamente, visto che nel libro personale del destino stava scritto che quel giorno e a quell’ora doveva essere investito sulle strisce, il Povero Pedone ha avuto  nella disgrazia, la incredibile fortuna di avere come investitore nientedimeno che Fiorello. Certo, poteva essere anche Renato Zero, o Maria De Filippi, se non addirittura George Clooney. Ma bisogna accontentarsi, non si può avere tutto dalla vita. 

L’incidente in questione ha avuto un risalto sui media tale da essere preso ad esempio per una campagna sulla sicurezza stradale. E’ risaputo che chi si muove in città con uno scooter appartiene alla casta degli Intoccabili.  Agiscono nella più totale indifferenza ad ogni norma di legalità e di prudenza: sorpassano  sulla destra file di auto, allo stesso scopo  sfrecciano sulla sinistra  oltre la striscia doppia in mezzo alla strada e quindi viaggiano disinvolti contro mano. Passano col rosso, saltano sui marciapiedi (sui quali parcheggiano di regola),  serpeggiano  fra le auto in coda con li sinuosità di una biscia, scodinzolano fra autobus e camion come  barboncini in salotto, spesso investono  passanti. 

Ovviamente, quelli dello scooter non sono tutti cosi (il direttore di questo giornale che mi ospita certamente non è tra quelli) ma le statistiche rivelano un fenomeno preoccupante. Come affrontare il problema? Ci vorrebbe una campagna di stampa  che spinga il Comune a prendere provvedimenti. 

Come ad esempio, abolire le strisce pedonali che attualmente rappresentano un pericolo per il Povero Pedone che crede di essere al sicuro e un rischio per la celebrità che lo investe e che si vede  caricare sulle spalle una responsabilità maggiore e un aggravio di spesa per l’assicurazione.  Poi si dovrebbero istituire corsie preferenziali: non per i mezzi pubblici, che nessuno rispetta, ma per i Vip (cantanti, attori, showmen, celebrities,  ex del Grande Fratello,  calciatori di grido ecc.)  i quali potrebbero così investire il Povero Pedone senza la  fatica di andarlo a cercare sulle strisce. Quelli, i pedoni, sarebbero, infatti, tutti volontari e felicissimi di finire all’ospedale purché l’investitore sia almeno Fiorello.

Chissà se il sindaco Marino, tanto sensibile alle urgenze dei romani, farà sua la proposta?  C’è già  lo slogan: “Niente strisce, siamo VIP”. 

Morale della favola: quando attraversi  la strada oltre a guardare a destra e a sinistra guarda anche in alto: ti può sempre venire addosso una stella (del cinema, della tv, del Web). Sempre all’ospedale finisci, ma almeno sei felice. Contuso e rimborsato. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]