Giovedì, 17 Settembre 2015 12:54

Musica. “Latitudine soul”: la nuova sfida di Radio1 Rai contro l’omologazione

Scritto da

ROMA - Impressionante sapere che nella classifica della musica più amata dagli italiani risulta all'ultimo posto il Soul... Eppure è quanto emerso obiettivamente da una indagine sugli utenti radiofonici che ha stimolato inaspettatamente il direttore di Rai Radio 1 Flavio Mucciante a progettare e ad inserire, all'interno di una fascia d'orario assolutamente "casalinga", un programma che - per qualità e determinazione - è destinato a diventare un cult del canale…

Mucciante non è nuovo a questa tipologia di sfide, da quando ha rivoluzionato qualche anno fa la musica di Radio 2 e, da due anni a questa parte, continua a progettare nuove imprese di palinsesto sulla mamma radio nazionale. "Latitudine soul" è il titolo di questa nuova impresa, in onda dal lunedì al venerdì alle 10 del mattino (domenica alle ore 8,30), scritta da Luca Sapio e condotta da Luca Ward. Sono storie inedite, ricche di aneddoti che hanno condito l'esperienza biografica e musicale di musicisti diventati un mito nel loro genere, da Robert Johnson a James Brown, passando per Sam Cooke, Marvin Gaye, Otis Redding e molti altri... Un format davvero originale che vede la voce del doppiatore di star internazionali quali Antonio Banderas, Pierce Brosnan, Russel Crowe, Samuel Jackson e Hugh Grant, cimentarsi con racconti umani ed artistici sui più acclamati  Soulmen, in un contesto in cui la narrazione è inframezzata con brani eseguiti  dal vivo dallo stesso Sapio ed una band che riproduce, in chiave originale e affine nelle complicate sonorità del genere, il repertorio degli anni d'oro. Sapio, giovanissimo cantante e musicista raffinato che ha all'attivo ben due album discografici e che esordì nella Radio 2 di Mucciante con un analogo programma, "Latitudine black", ha colto il segno di far rivivere un'epoca indimenticata della musica afroamericana attraverso storie realmente vissute dai suoi stessi protagonisti e poco, o a volte mai conosciute, dai milioni di ascoltatori aficionados.

Una provocazione, quella di Radio 1, come ce ne dovrebbero essere tante, proprio in un'epoca dove la democratizzazione di Internet e delle radio private porta ad un'omologazione di repertorio con conseguente privazione di personalità auditiva. Oltre al cast di assoluto rilievo é confermato qualitativamente un sound di eccellenza (cura e regia di Andrea Cacciagrano): due validi ingredienti per un programma che si prefigge di fare diventare un'attitudine quello che apparentemente è un semplice ascolto. Un approccio vintage ma alquanto originale che ci auguriamo rappresenti la prima di una serie di rivoluzioni nei palinsesti radiofonici musicali.

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]