Martedì, 11 Luglio 2017 11:53

Anatomia di un amore

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

E’ sera, hai smesso

di far domande

non sembri soddisfatto

non ti ha convinto

il mio completo darmi.

Ti sei lasciato raggiungere

da frasi lasciate a metà

da quelle parole taglienti

come spigoli mai smussati

dal ricordo di stanze vuote

silenziose che non riuscivi

a sopportare, dalla solitudine

che colmavi con la mia figura.

Il buio è sceso, ombre si rincorrono

come esili scheletri, i tuoi dubbi

escono dalla tua mente sventrata

fuggono amplificati per tormentarti.

L’ansia mi prende, vorrei sciogliere

quei nodi che hai nella testa

ma la menzogna ti ucciderebbe

e la sincerità fa male

allora scrivo parole e piango.

Loro accartocciate in un cestino

rimangono…mai lette.

Stanca mi addormento al tuo fianco

è il mio sogno di sempre, corro,corro

senza raggiungerti mai…

Mirella Narducci

bianco.png