Lunedì, 10 Febbraio 2020 09:02

Nell'anno del Signore

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Roma di secoli fa

bella e ruffiana

dove le donne

con occhi assassini

affacciate alle finestre

curiose e ciarliere

si davano del tu

con le ciociare.

Le s’ore Lelle

e le s’ore Cecilie

quasi rovesciate

in su la strada

cantavano sonetti

arguti e assai pepati.

Viva la Roma papale...

dove se magna

e se beve e non se paga

che a sbornia passata.

Nessuno s’azzarda

a dir la verità sfacciata...

al papa-re che dominava.

Ha perduto la sacralità

con gli sconci e blasfemi

linguaggi della plebe romana

stufa e libertina.

Un’ inferno visionario

dove sprofonnano

fatti di gola e di sesso...

Er bullo passeggia

col coltello arrotato

e il rosario in saccoccia.

Tempi bui...

dove una statua parla

con epigrammi e motti sagaci.

Mirella  Narducci

Altro in questa categoria: « Voglia di tenerezza Il mondo muore »

bianco.png