Mercoledì, 08 Aprile 2020 21:53

Tutto cambia ...

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una storia che non è altro che la realtà. I primati un bell’ esempio di cambiamento, lento ma continuo fino al portamento eretto e non solo.

Se noi discendiamo da codesti genitori…scimmie stiamo effettuando un cambiamento graduale che arriverà ad una decimazione naturale causata da possibili cataclismi o pandemie, non dimentichiamoci gli animali preistorici che sono scomparsi. Scomparirà l’uomo? Si verificherà un cambiamento epocale… chissà! Molti animali stanno morendo per colpa dell’egoismo umano, la nostra estinzione, quale forma di egoismo adotterà per distruggerci. Siamo al punto di una saturazione globale, forse non ci sarà un Dio che possa salvarci! Facciamo parte della specie Homo sapiens genere umano che ha le più alte capacità cognitive rispetto ad altri animali. Dopo 58 milioni di anni siamo gli uomini di oggi con una intelligenza superiore, abbiamo fatto tante nuove scoperte, siamo esseri ingegnosi, abbiamo migliorato sempre più la nostra esistenza. Creato la medicina che ci allunga la vita, si muore molto più tardi, abbiamo sviluppato culture per sfamare il mondo, ma non ci siamo accorti che ci mangiamo la terra. Sovrappopolamento, quanto ancora dureranno i silos del mondo?! E’ un quadro terribile che va incontro all’implosione. Le prime avvisaglie si avvertono in questi giorni di clausura forzata. Ora deve avvenire il cambiamento, abbattiamo l’egoismo, la mania di potere, lavoriamo per una comunità di uomini liberi, facciamo a meno del superfluo e che non siano solo in pochi ad avere il comando sui generi di primaria importanza, acqua, aria, cibo. Ho letto che si rimane stupefatti quando un contadino mangia pane e formaggio mentre noi ci rimpinziamo di patatine e coca cola … è il suo modo di vita che dobbiamo seguire, tornare alla terra, è il primo passo che dobbiamo fare. La semplicità era al principio del mondo, la semplicità sarà alla fine del mondo! Ho visto allo zoo il gorilla Giorgio era dietro le sbarre della sua gabbia, sulle due zampe mi fissava negli occhi, in quello sguardo c’era tanta tristezza, se avesse avuto la capacità di parlare mi avrebbe sussurrato “ perché sono finito così”! Non avrei saputo rispondere continuando a non capire e a ridere della sua mimica espressione animalesca. Il futuro è nelle nostre mani e nel nostro cuore, usiamo entrambi per svegliarci in una nuova alba!

Altro in questa categoria: « Per Aspera ad Astra La nuova alba »

bianco.png