Visualizza articoli per tag: KIEV

KIEV - Le autorità ucraine hanno deciso di ritirare le truppe stanziate in Crimea. “Il consiglio di sicurezza nazionale e di difesa - ha fatto sapere il presidente ad interim Oleksandr Turchynov - ha ordinato al ministero della Difesa il ridispiegamento delle unità militari che si trovano in Crimea”. 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

Deputato russo ammette presenza forze militari in Crimea

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA - La situazione in Ucraina peggiora. Infatti, il primo neo ministro della Repubblica autonoma di Crimea, Sergey Aksyonov, nominato giovedì scorso da parte del Parlamento locale, sotto il controllo armato di un commando filo russo, invoca l'intervento armato della Russia.  

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Giovedì, 27 Febbraio 2014 20:47

Rivoluzioni. Tiranno che cade, tesoro ch’ evade

ROMA -  Il presidente ucraino  Yanukovich travolto dalla rivolta di Kiev  viveva  in una casa  che dire principesca è poco: quando è scappato a gambe levate dalla capitale ucraina dinanzi all’avanzata delle protesta,  gli abitanti di Kiev hanno dedicato il primo week end dopo la rivoluzione per visitare il castello del presidente.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

KIEV - Con 339 voti a favore, il Parlamento ucraino ha approvato la proposta di far giudicare l'ormai ex presidente Ianukovich e altri funzionari a lui vicini da un tribunale internazionale "per crimini contro l'umanità durante i cortei di protesta tra il 30 novembre 2013 e il 22 febbraio 2014".

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

KIEV - Finita la rivoluzione che per giorni ha infiammato e insanguinato Kiev, l’ucraina si prepara a fare i conti con il suo passato.  Negli ultimi tre giorni, oltre alle deposizione di Victor Yanukovich, l’Ucraina ha  cambiato il suo premier, la sua lingua (da russa a ucraino)e il suo governo.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

La Merkel chiama la pasionaria della rivoluzione arancione

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA - In Ucraina le opposizioni sono riuscite  a far cadere la leadership del Presidente Yanukovich. Il Parlamento nazionale, infatti, ha votato un provvedimento che porta alle sue dimissioni e che porterebbe direttamente alle elezioni presidenziali per il prossimo 25 di maggio.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA  - Dopo i sanguinosi scontri l'opposizione ucraina ha accettato di siglare un accordo con il presidente, Viktor Yanukovich, per disinnescare la crisi politica a Kiev. La firma ancora non c'è, ma almeno c'è la schiarita.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

KIEV - Il negoziato a Kiev è continuato per tutta la notte e alla fine sembra che si sia aperto uno spiraglio di luce sulla drammatica situazione in Ucraina costata la vita ad almeno 100 persone. Infatti,  i ministri degli Esteri dell'Ue, il presidente ucraino Viktor Yanukovich e i leader dell'opposizione hanno trovato un accordo sulla crisi a Kiev.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto