Visualizza articoli per tag: EUROPA

Ed alla fine ad esultare, anche se con estrema moderazione, è stato uno solo: Matteo Renzi. Dopo una notte insonne a guardare dati e proiezioni, si è arrivati ad un lunedì di valutazioni.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Lunedì, 26 Maggio 2014 21:51

La contraddizione europea

ROMA - Una grave contraddizione è emersa dalle recenti elezioni europee e anche alcuni giornali del vecchio continente se ne sono finalmente accorti. Da una parte, le urne hanno rivelato l’eclissi del partiti tradizionali e dell’establishment europeo.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Mercoledì, 21 Maggio 2014 15:59

Se dovesse saltare l’Italia salterebbe l’Europa

ROMA - Per fortuna, al termine di questa campagna elettorale da incubo, mancano solo pochi giorni. Per fortuna, perché davvero non si sopporta più. Nemmeno in Francia stanno assistendo a una guerra civile senza esclusione di colpi come quella che stiamo vedendo alle nostre latitudini, eppure Oltralpe i socialisti sono in ritirata, l’UMP è in deciso affanno e il primo partito, stando agli ultimi sondaggi, dovrebbe essere il Front National di Marine Le Pen, un tempo dichiaratamente fascista, oggi dichiaratamente nemico dell’euro, dell’Europa e dell’immigrazione nonché nazionalista a livelli patologici e anacronistici.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Mercoledì, 14 Maggio 2014 15:55

L’ecologia della politica per cambiare l’Europa

ROMA - Non si può certo dire che la campagna elettorale per eleggere il Parlamento europeo stia aiutando i cittadini a fare le scelte necessarie per avere un’altra Europa.

Pubblicato in Il punto
Martedì, 13 Maggio 2014 05:37

L'Europa tende una mano ai giovani

ROMA - È partito il  primo maggio il Piano governativo: ”Garanzia Giovani”. In linea con la Raccomandazione europea del 2013, l’Esecutivo si impegna a garantire ai giovani di età compresa tra i 15 ed i 29 anni, non occupati in un’attività lavorativa o in un corso di studi, un’offerta di lavoro o tirocinio entro 4 mesi dall’inizio del periodo di disoccupazione o dalla fine del percorso di studi.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Lunedì, 12 Maggio 2014 11:24

L’odissea ucraina e il vuoto dell’Europa

ROMA - È inutile girarci intorno: con l’inoppugnabile vittoria dei sì al referendum tenutosi nelle regioni del Sud-est ucraino, Donetsk e Luhansk, che ha sancito l’indipendenza delle suddette da Kiev e, di fatto, l’annessione alla Russia, l’Europa ha subito un colpo che, a due settimane dalle Europee, dovrebbe indurre tutti noi a riflettere. Ciò che sorprende, anzi sbalordisce, è invece il nostro silenzio, la nostra minimizzazione, il nostro sostegno alla tesi, quella sì davvero farsesca, che si sia trattato di una carnevalata orchestrata da Putin, come se il novanta per cento di quei cittadini non avesse compiuto una scelta chiara e irrimediabile, voltando le spalle alle nostre macerie e scegliendo, di fatto, una Nazione in rapida ascesa e desiderosa di tornare a occupare il proscenio mondiale da protagonista.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

Il Tribunale di Venezia passa la palla alla Consulta su un ricorso del Costituzionalista, Felice Besostri. Non è esclusa una decisione immediata della Consulta

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Non è una novità: le carceri italiane si confermano infatti le più sovraffollate d'Europa: a denunciarlo, ancora una volta, è il Consiglio d'Europa, l'organismo di Strasburgo che sovrintende alla difesa dei diritti umani e che ha pubblicato oggi il rapporto annuale sulle statistiche carcerarie riferito al 2012.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Martedì, 15 Aprile 2014 19:01

Europa. 27 milioni i bambini a rischio povertà

L’Italia nei bassifondi della classifica. Save the children: una situazione drammatica che si aggrava sempre più

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Lunedì, 14 Aprile 2014 18:33

La deflazione che si aggira per l'Europa

ROMA - Sempre più spesso si sente parlare di deflazione, un fenomeno economico noto agli addetti ai lavori e direttamente riconducibile al rafforzamento di una spirale recessiva dell’economia reale, ma ancora relativamente poco conosciuto dal grande pubblico.

Pubblicato in Il punto