Visualizza articoli per tag: job act

 

ROMA - La richiesta del voto di fiducia sembra una prova di forza ma è un segno di debolezza. Il governo chiede al Parlamento una delega a legiferare mentre impedisce al Parlamento di precisare i contenuti di quella stessa delega. Il potere esecutivo si impadronisce del potere legislativo per disporne a suo piacimento, senza alcun contrappeso istituzionale. Il Senato delega per sentito dire nelle televisioni, senza quei “principi e criteri direttivi” prescritti dalla Costituzione. È l’anticipazione di un metodo che diventerà normale con la revisione costituzionale in atto.

Pubblicato in Il punto

ROMA - Non accennano ad attenuarsi  le tensioni e le divisioni all’interno del Pd  in relazione al Jobs Act.  C’è infatti chi continua a non voler arretrare dinnanzi ai diktat di Matteo Renzi che, nei giorni scorsi, parlando di scontro ideologico tra vecchia e nuova guardia, è stato molto chiaro con la minoranza ‘ribelle’ del Pd: ” con me cascate male io le cose le cambio sul serio”. 

Pubblicato in Primo piano
Giovedì, 18 Settembre 2014 16:23

Jobs Act, ok dal Senato a delega. Spaccatura nel Pd

ROMA  - La commissione Lavoro del Senato ha dato l'ok finale alla legge delega sul lavoro. E’ stato quindi approvato anche l'emendamento all'articolo 4 presentato dal governo, che introduce il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e modifica sull'articolo 18. Forza Italia si è astenuta. Sel e M5S erano uscite dalla commissione prima del voto per protesta. Il testo andrà in Aula martedì prossimo. 

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Grande confusione in Parlamento sul decreto Lavoro del ministro Polettti, con posizioni che sembrano lontane all’interno della maggioranza e l’insoddisfazione degli stessi sindacati. “Una discussione così complessa sarebbe dovuta essere svolta in un percorso più ragionato, quello della legge delega piuttosto che del decreto, ma su questo il governo non ha inteso ragioni”.

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

ROMA - Marco Bazzoni, noto rappresentante sindacale dei lavoratori per la sicurezza ha presentato formale denuncia  al Segretariato Generale della Commissione Europea e per conoscenza al Presidente della Commissione Europea Josè Manuel Barroso, contro il cosiddetto "jobs act" del Governo Renzi, che secondo il sindacalista viola in maniera evidente la direttiva europea 1999/70/CEE sui contratti di lavoro a tempo determinato e porterà sicuramente ad una nuova procedura d'infrazione contro la Repubblica Italiana.

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

ROMA - Commenti e titoli dei giornali  sulla prima riunione della direzione del PD hanno fatto centro sulla parte che  che si può definire politica. Rapporti e valutazione molto critica  dell’operato del governo che hanno provocato una razione di Enrico Letta, legge elettorale ,l’annunciato incontro con Berlusconi che ha suscito   e legge elettorale  sono stati gli argomenti sui quali si è accentrato  il dibattito.

Pubblicato in Il punto
Giovedì, 16 Gennaio 2014 15:51

Un decalogo per il Job Act

ROMA - Il nostro sistema è  iper-elastico – alcune fonti parlano di oltre 40 forme di impiego a disposizione delle aziende -:  se vogliamo intervenire sulle regole che governano il mercato del lavoro dobbiamo  mantenere come centrale la lotta alla precarietà.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA  - E’ importante che in questo momento così difficile il lavoro torni al centro del dibattito politico. Utile e positivo che ciò  avvenga individuando il settore dell’edilizia come uno dei settori strategici, attraverso il quale avviare una nuova fase di sviluppo sostenibile del paese.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Giovedì, 09 Gennaio 2014 19:54

Jobs Act, un fantasma si aggira per l’Italia

ROMA - Ormai ogni giorno abbiamo un distillato di Jobs Act. In questo il segretario del Pd è veramente un campione:tiene le prime pagine e riesce a creare un  clima positivo positivo  sulla iniziativa alla quale stanno lavorando i “ragazzi”, così li chiama lui,  della segreteria, a partire- dice Da Marianna che si occupano di lavoro e Filippo che è responsabile economia.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - Nel giorno in cui l'ISTAT annuncia l'ennesimo record negativo circa la disoccupazione giovanile, il più alto dal 1977, vengono diffusi i primi punti del c.d. "Job Act", la proposta su crescita e lavoro del neo-segretario del PD Matteo Renzi. Noi denunciamo la condizione di una generazione senza futuro e quotidianamente sotto ricatto, ma oltre a dichiarazioni e comunicati stampa non abbiamo appreso alcuna proposta concreta da parte della politica, se non invece una serie di provvedimenti che hanno ulteriormente precarizzato il mondo del lavoro ed definanziato scuola e università determinando l'espulsione da quei luoghi di migliaia di giovani ricercatori e studenti.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Pagina 1 di 2

bianco.png