Visualizza articoli per tag: consulta

Lunedì, 22 Settembre 2014 16:22

Consulta. Martedì decisivo per Violante e Bruno

ROMA - Questo Martedì in Parlamento si gioca la partita decisiva per Violante e Bruno, i due candidati alla Consulta che in ben tredici votazioni non sono riusciti a raggiungere il quorum necessario per l’elezione: 570 voti pari a 3/5 degli aventi diritto in Parlamento.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 18 Settembre 2014 14:51

Consulta. Tredicesimo buco nell’acqua

ROMA - Nessun passo avanti in queste elezioni, a nulla è servito il monito di Napolitano di ieri, la paralisi continua.  I due Candidati sono ben lontani dal quorum dei 3/5 dei componenti d’Assemblea nonostante entrambi abbiamo accresciuto i consensi, Violante dai 518 voti di ieri sale a quota 542, Bruno a 527. Per la decima volta fumata nera anche per l’elezione dei due membri laici del Csm, dopo il ritiro di Vitali, Zanettin, che prende il suo posto, si ferma a 470 consensi, Zaccaria a 132.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Ennesima fumata nera per l'elezione dei due nuovi giudici costituzionali.  Nessun candidato è stato eletto anche nella tredicesima votazione effettuata stamattina dal parlamento riunito in seduta comune a Montecitorio.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Mercoledì, 17 Settembre 2014 15:48

Consulta. Fumata nera, riconfermato Violante e Bruno

ULTIM'ORA -  Si è conclusa con un nuovo nulla di fatto la dodicesima votazione terminata poco prima delle  20.00, i consensi per entrambi i candidati scendono, Violante supera ancora una volta Bruno ma i voti del primo sono 518 a fronte dei 526 di ieri e quelli dell’esponente di FI 511 rispetto ai precedenti 544. Le Camere sono convocate domani mattina per una nuova votazione, auspicando nel ravvedimento dei franchi tiratori che, forti del voto segreto, esprimono il proprio dissenso nei confronti dell’operato Governo, mettendo in stallo il Parlamento e bloccando di fatto l’attività di due fondamentali organi dello Stato quali Csm e Consulta.

A votazioni non ancora concluse si è svolto l’incontro tra Renzi e Berlusconi a testimonianza dell’esistenza del rischio di una nuova fumata nera. Riconfermate le candidature di Violante e Bruno, smentite quindi le voci che da Forza Italia preannunciavano la sostituzione dei due concorrenti: il patto tra PD e FI tiene.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Venerdì, 12 Settembre 2014 19:27

Catricalà ritira candidatura a Consulta

ROMA - «Ringrazio i parlamentari che mi hanno votato ma chiedo loro di non sostenere ulteriormente la mia candidatura». Antonio Catricalà annuncia così il ritiro della sua candidatura per l'elezione dei due membri della Consulta da parte del Parlamento. «Non vorrei mettere a rischio la mia immagine professionale - afferma - e spero che il Parlamento possa più facilmente superare le contrapposizioni che hanno finora ostacolato l'elezione dei due giudici costituzionali».

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Lupi: "rischio far west procreativo"

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Mercoledì, 12 Febbraio 2014 17:29

Cannabis, la consulta boccia la Fini-Giovanardi

ROMA - È attesa per domani la sentenza della Corte Costituzionale che potrebbe dichiarare illegittima la Fini-Giovanardi. La Corte Costituzionale ha bocciato , con una sentenza letta nel primo pomeriggio di oggi, la legge Fini-Giovanardi che equipara le droghe leggere a quelle pesanti: nella norma di conversione infatti furono inseriti emendamenti estranei all’oggetto e alle finalità del decreto.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - La bocciatura da parte della Corte Costituzionale dell'attuale legge elettorale «non tocca in alcun modo gli atti posti in essere in conseguenza di quanto stabilito durante il vigore delle norme annullate, compresi gli esiti delle elezioni svoltesi e gli atti adottati dal Parlamento eletto».

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Dopo ore e ore di camera di consiglio, la Corte Costituzionale ha deciso di bocciare la legge elettorale portante il nome di Porcellum.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA  - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, con decreto in data odierna, ha nominato ai sensi dell'art. 135 della Costituzione, Giudice della Corte Costituzionale il Professore Giuliano Amato, in sostituzione del Professor Franco Gallo, il quale cessa dalle sue funzioni di Giudice e di Presidente della Corte Costituzionale il prossimo 16 settembre.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

bianco.png