Visualizza articoli per tag: romanzo

PONTASSIEVE – Carlo Cassola, tra il 1958 e il 1959, scriveva il romanzo “La ragazza di Bube”, Premio Strega del 1960. Tre anni dopo Luigi Comencini lo portava sullo schermo dando alla “ragazza” il volto di Claudia Cardinale che conquistò il Nastro d’argento per la migliore attrice protagonista.

Pubblicato in Letteratura

ROMA - Il 27 aprile del 1926 sull’isola di Janus Rock, dove vivevano solo il guardiano del faro  e sua moglie, misteriosamente  si udì  il pianto di un bambino piccolissimo. Il grido veniva da una barca che andava alla deriva e venne a naufragare sugli scogli,  il guardiano e  sua moglie la raggiunsero e, sbalorditi, videro al suo interno un neonato e il cadavere di un uomo.

Pubblicato in Letteratura

 

L’Associazione Culturale Teatri&Culture in collaborazione con l’Associazione Culturale TICTO e con il sostegno dell’Associazione Luca Coscioni e di Castelvecchi Editore presentano Ocean Terminal.

Pubblicato in Cinema & Teatro

NAPOLI - Nel generale dibattito sul tema delle liberalizzazioni stenta ancora a trovare spazio quello relativo all'ambito musicale.

Pubblicato in Musica
Etichettato sotto

Alla “Terrazza” di Ronta di Firenze

Pubblicato in Musica
Etichettato sotto
Venerdì, 16 Settembre 2011 20:58

Jacko fra i bambini di Roma - racconto quattordicesimo

La mamma di Michael Jackson aveva chiesto il divorzio da suo marito perché non sopportava più che, anche invecchiando, continuasse a comportarsi come un donnaiolo.  Joe non aveva voluto andar via dalla tenuta di Encino e Katherine, pur vivendo separata da lui, lo vedeva quasi ogni giorno, sebbene di lontano.

Michael, da poco rientrato da una tournée insieme ai  fratelli, più faticosa che esaltante, aveva bisogno di prendersi una pausa: sperava quello fosse l’ultimo tour. Non erano mancate tensioni e il re del pop avvertiva, suo malgrado, che  Tito, Jackie e gli altri  erano gelosi del suo successo, bastava un nonnulla a farli esplodere. Ma lui, se la sua stella li oscurava, che poteva farci? Non ne aveva colpa! Jacko si sentiva solo. Il telefono squillò mentre  era in queste riflessioni.

Agli inizi degli anni ottanta Michael Jackson si era comprato per duecentodiecimila dollari un appartamento di lusso, con tre camere da letto e tre bagni, in un quartiere elegante di Encino. Sua madre aveva voluto collaborare all’acquisto, malgrado il figlio non avesse bisogno di danaro, con 35.000 dollari messi insieme a fatica e Jacko, che in famiglia si fidava esclusivamente di lei, pensò bene di intestare la casa a tutti e due.  

Venerdì, 19 Agosto 2011 11:23

Jacko, il naso di Cirano - racconto decimo

“Off the wall” aveva venduto venti milioni di copie nel mondo: traguardo mai raggiunto coi fratelli,  Michael Jackson da solo rendeva molto di più.  Il sodalizio con Quincy Jones funzionava: produttore esperto, comprensivo, affettuoso, che gli dava massima fiducia. Tutto l’opposto di suo padre, diverso anche da Berry Gordy, che preferiva le persone servili, Quincy sceglieva invece canzoni proposte dallo stesso Michael .

Torna a Roma il 25 Luglio nella cavea dell’Auditorium Parco della Musica, Lou Reed, nell’ambito della rassegna Luglio Suona Bene 2011, per proporre un viaggio nella sua musica in cui ripercorrerà anche buona parte del suo repertorio della fine degli anni '70

Pubblicato in Musica