Venerdì, 16 Gennaio 2015 14:23

Legge stabilità.Nuovo aumento sulle bollette

Scritto da

ROMA - L'Autorità per l'Energia non ha fatto in tempo ad annunciare il calo delle bollette elettriche all'inizio dell'anno a seguito della congiuntura favorevole che già si prospetta un nuovo aumento sulle bollette per le famiglie italiane.

Infatti nella legge di stabilità 2015 (art 1 comma 193) le lobby dei trasporti sono riuscite a far inserire un vergognoso regalo alla società Ferrovie dello Stato: quest'ultima venderà la rete elettrica nazionale ad alta e altissima tensione di sua proprietà a Terna spa, incassando circa 900 milioni di euro che utilizzerà per nuovi investimenti sulle linee ferroviarie. Chi pagherà questo esborso? Naturalmente, come al solito, le famiglie italiane, con nuovi aumenti sulle bollette.

L'Autorità nei prossimi giorni stabilirà il costo delle infrastrutture (capitale investito senza dedurre il valore dei contributi pubblici "già pagati allo Stato" sul conto impianti utilizzati per la rete elettrica delle ferrovie dello stato) per un importo contabile e fiscale che si attesterà, secondo le richieste della società Ferrovie, ad oltre 900 milioni di euro. Ma la vera beffa per le famiglie è che pagheranno due volte la stessa rete elettrica nazionale (in molti casi dismessa) a Ferrovie spa: prima con centinaia di milioni di contributi pubblici dati dallo stato per la costruzione e gestione della rete elettrica ferroviaria e ora con un aumento sulle bollette per l'esborso che Terna spa verserà a Ferrovie dello Stato con il benestare del Ministero dei Trasporti e del Governo. Le bollette potrebbero aumentare di circa il +3%, per un importo medio per la famiglia tipo italiana di circa 15 euro ad utenza. Federconsumatori chiede al governo di fare retromarcia annullando il provvedimento, e di trovare altrove le risorse per gli investimenti e di non continuare, come gli altri governi in passato, a fare cassa utilizzando come un bancomat le bollette delle famiglie. Sulle bollette domestiche sono già state perpetrate altre incursioni, come l'ultimo provvedimento del governo Monti, che ha regalato alle imprese energivore incentivi per ben 600 milioni di euro scaricandoli sulle bollette elettriche domestiche, e il decreto Destinazione Italia, in cui si è approvata una misura simile per il gas, di analogo impatto sulle bollette. Bollette che, ricordiamo, sono diventate sempre più pesanti, tra le più alte d'Europa, aumentando del +42,7% (per l'energia elettrica) e del +54,5% (per il gas) negli ultimi 10 anni, ovvero oltre due volte e mezzo il tasso di inflazione cumulato.

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

David di Donatello. Emozionata Sofia

David di Donatello. Emozionata Sofia

Quella di Sofia Loren alla serata dei David di Donatello è stata un’apparizione di pochi minuti ma di grande effetto.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]