Venerdì, 18 Marzo 2016 17:04

Franceschini, il turismo è veicolo di crescita

Scritto da

ROMA  - Il turismo, per il nostro Paese, è un veicolo di crescita straordinaria.

È quanto sostiene il ministro dei Beni cltrali e del turismo, Dario Franceschini, oggi a Cernobbio per il Forum di Confcommercio. "Il turismo internazionale -ha osservato il ministro- è cresciuto anche negli anni della crisi. Nel 2015 è tornato a crescere anche quello interno e quindi i numeri sono molto importanti. Soprattutto c'è un dato di fondo che testimonia le potenzialità che abbiamo: l'Italia è la meta preferita di viaggio da parte di tutti i paesi del mondo e alla domanda 'dove vorresti andare?', la risposta unanime è 'in Italia'". "Poi magari, in passato -ha sottolineato Franceschini- abbiamo offerto molte ragioni per non venire da noi, ma è anche vero che abbiamo di fronte a noi il mondo. Ci sono paesi che immettono nel mercato del turismo globale milioni di persone in più ogni mese, gente che prima non usciva mai dal loro paese. L'Italia, quindi, è davvero una meta d'attrazione e un trend importantissimo. Se riusciamo a coniugare le nostre eccellenze, cibo, arte, shopping e moda, possiamo fare del turismo un veicolo di crescita formidabile". "Come governo abbiamo fatto molte cose nel settore del turismo. Se a vedere i nostri musei ci vanno cinque milioni di persone in più rispetto a due anni fa significa che qualcosa si è fatto. Abbiamo introdotto incentivi per la digitalizzazione e la ristrutturazione degli alberghi, abbiamo lanciato una nuova governance dell'Enit, che sta organizzando una promozione mirata dell'Italia nel mondo. Le cose stanno andando bene, certo c'è ancora da fare molto ma adesso ci sono i numeri a dimostrare che questo lavoro ha funzionato".

Una mano importante l'ha certamente data l'Expo: "è stato un traino straordinario e formidabile, che durerà nel tempo ed è la dimostrazione che l'Italia è in grado di organizzare cose fantastiche in tempi brevi. Ha dato l'idea che il Paese funziona e che è in grado di organizzare un grande evento, una e l'Italia può sempre essere un'Expo straordinaria per tutti". A soffrire ancora però sembra essere il sud che, secondo Franceschini, "deve superare il dato paradossale che solo il 15% del turismo internazionale va sotto Roma. I turisti non ci vanno, spesso per le carenze infrastrutturali e soprattutto perché non è stato fatto il necessario lavoro di promozione per tutte quelle parti meno conosciute del nostro Paese". "Investire nell'Italia come museo diffuso non è solo una opportunità ma anche una necessità perché -ha precisato il ministro- abbiamo ancora luoghi che hanno un problema opposto di sovraffollamento nei centri storici di alcune città d'arte, come ad esempio Roma, Firenze, Venezia che non reggono più. Abbiamo però altre mete straordinarie -ha concluso- che in un altro paese sarebbero mete attrattive per i turisti".

 

bianco.png