Mercoledì, 21 Settembre 2016 15:07

Pil, l'Ocse taglia le stime sull'Italia Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Lavoro e investimenti sono elementi fondamentali di cui il Paese scarseggia. Indispensabile l'avvio del Piano Straordinario per il Lavoro

ROMA - I dati Ocse rivelano una situazione sempre più drammatica. Le stime sul PIL, già molto caute, vengono ulteriormente tagliate: l'Italia crescerà del +0,8% nel 2016 e nel 2017. Stime ben al di sotto dell'1% dichiarato dal Governo. Uno scenario che, di giorno in giorno, si fa sempre più allarmante, tanto che l'Osce afferma: "su investimenti e scambi non si sono rivelati così fruttuosi come si prevedeva". "Affermazioni che chiamano in questione sia il Governo, responsabile dei mancati provvedimenti necessari per una vera ripresa, sia gli imprenditori, carenti in coraggio ed iniziativa." - dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

Di fronte a questa ennesima conferma della mancata crescita si rende estremamente urgente un piano shock, che sappia dare nuovo impulso alla nostra economia. Il primo passo da compiere è l'avvio di un Piano Straordinario per il Lavoro: attraverso la ripresa del mercato occupazionale darebbe nuovo reddito a chi al momento è disoccupato ed inoltre imprimerebbe un nuovo slancio alla domanda interna, alleggerendo le famiglie dell'onere del mantenimento di figli e nipoti senza occupazione (pari a circa 450 Euro al mese).

Uno studio recentemente effettuato dal nostro O.N.F. - Osservatorio Nazionale Federconsumatori rivela come, se la disoccupazione tornasse a valori intorno al 6% (livello pre-crisi, ancora eccessivo a nostro parere), la capacità di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di Euro l'anno. Risorse preziose che permetterebbero al Paese di cambiare marcia, innescando una nuova fase di crescita, un circolo virtuoso in grado di rimettere in moto produzione e mercato occupazionale.

Per questo è fondamentale ed improrogabile uno stanziamento dello Stato per 60 miliardi di Euro, da destinare solo ed esclusivamente all'innovazione e la ricerca, alla modernizzazione delle infrastrutture soprattutto al Sud, alla messa in sicurezza antisismica, alla valorizzazione dell'offerta turistica.

Operazioni improrogabili, che dovranno essere finanziate attraverso una intensificazione della lotta all'evasione fiscale, la tassazione delle rendite finanziarie, tagli a sprechi ed abusi e, se necessario, anche la vendita di parte delle riserve auree (circa il 10-15%).

Read 1515 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

David di Donatello. Emozionata Sofia

David di Donatello. Emozionata Sofia

Quella di Sofia Loren alla serata dei David di Donatello è stata un’apparizione di pochi minuti ma di grande effetto.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]