TRIESTE - Spumeggiante avvio del 2013 per Piazza Affari che, nella prima seduta dell’anno, mette a segno una partenza col botto, anche se l’euforia per l’accordo fra Casa Bianca e Congresso sulla riduzione del deficit Usa - che ha valso a Milano la maglia rosa in Europa - è durata poco, subito seguita da prese di profitto dovute alla preoccupazione per l’evolversi di una situazione, il come ridurre il deficit statunitense, ancora tutta da mediare e non priva del rischio di nuove tensioni.

TRIESTE -  Dopo essere partita con un rialzo all’indomani della lunga sosta natalizia, oggi, ultimo giorno di contrattazioni dell’anno per l’Italia, la Germania, la Svizzera, la Danimarca, l’Austria, la Svezia, la Finlandia e la Norvegia, Piazza Affari ha affrontato l’ultima seduta del 2012 all’insegna della preoccupazione per l’Euro, scivolato sotto quota 1,32 nei confronti del dollaro, e soprattutto per la questione del deficit americano.

TRIESTE -  Dopo la negativa chiusura di Piazza Affari e delle principali borse europee registrata lo scorso venerdì in conclusione di ottava, caratterizzata per Milano da vendite e prese di profitto sui titoli bancari ed assicurativi, Borsa Italiana gode di una benefica pausa di riflessione per le festività natalizie, con le contrattazioni che riprenderanno regolarmente a partire da giovedì 27 dicembre.

TRIESTE - La fase di mercato alla quale stiamo assistendo è dominata dai “timori” in senso lato, che generano ed alimentano un’indecisione a sua volta responsabile di dinamiche poco chiare, caratterizzate da brusche ed improvvise oscillazioni da un segno al suo opposto.

TRIESTE - Dopo che la crisi politica ha investito Piazza Affari lo scorso lunedì, Borsa Italiana ha proseguito la settimana all’insegna del rimbalz.

TRIESTE - Se il buon giorno si vede dal mattino, allora il rischio è quello di doversi ricordare a lungo dell’ottava cominciata oggi.

In Italia aggravata dalla crisi politica