Visualizza articoli per tag: TERREMOTO

Presentata a Roma nella Sala Spadolini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, la kermesse jazzistica coinvolgerà oltre 100 artisti in 4 concerti nelle città simbolo dei terremoti del 2009 e 2016. Tra i presenti, oltre alle autorità, il direttore artistico Paolo Fresu, Filippo Sugar (SIAE) e Andrea Miccichè (NUOVO IMAIE) 

Pubblicato in Musica
Etichettato sotto

I geologi li chiamano 'terremoti silenti' perché non producono onde sismiche, e tuttavia l'ipotesi è che siano dei campanelli di allarme per tsunami e grandi eventi sismici.

Pubblicato in Scienza & tecnologia
Etichettato sotto

ROMA  - "In Italia si muore per un terremoto che in altre parti del mondo non desterebbe la minima preoccupazione. E' l'impietosa considerazione da fare dopo quanto accaduto a Ischia, dove un sisma con una magnitudo decisamente contenuta ha prodotto vittime, feriti, crolli, panico.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA  - 'Esprimiamo il nostro cordoglio per le vittime del terremoto ad Ischia e vicinanza alla comunità ischitana. Ma riteniamo inaccettabile che per una scossa di non elevata intensità le case possano crollare.  Come ha sottolineato Egidio Grasso, presidente dell'Ordine dei Geologi della Campania, si tratta di una magnitudo che, in condizioni normali, non provocherebbe simili danni a persone o cose, ma si possono essere verificati per via di costruzioni abusive e realizzate senza alcuna verifica sismica.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

2.400.000 le tonnellate da rimuovere nelle 4 regioni colpite. Legambiente: “Necessario accorciare i tempi. Il governo ripensi il ruolo della struttura del commissario straordinario per dargli più poteri e le risorse necessarie per un reale coordinamento” 

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Legambiente e Fillea Cgil: “Non si ripetano gli stessi errori nelle zone terremotate del Centro Italia. Le aree del cratere diventino un esempio virtuoso di ricostruzione sicura,  sostenibile, innovativa garantendo legalità e trasparenza” . Nasce l’Osservatorio nazionale per la ricostruzione di qualità

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Lunedì, 13 Marzo 2017 15:02

Diario di un terremoto dimenticato

Lo Stato non c’è più. In quello che fino ad oggi sembrava l’ombelico operativo delle forze della protezione civile, l’orgoglio di una capacità di mobilitazione civile che non conosce costi o situazioni meteorologiche ,che parte per il soccorso e scava nella neve del giorno,la mobilitazione improvvisamente è finita.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Martedì, 28 Febbraio 2017 15:44

Terremoto. A rischio 3.400 agriturismi

Gli effetti del terremoto si sono sentiti sulle presenze dei 3400 agriturismi complessivamente attivi nelle quatto regioni colpite dove i turisti sono piu’ che dimezzati.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Da oggi agricoltori terremotati in Piazza Navona con i prodotti salvati da macerie

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Maria Fontana Cito, poetessa marchigiana nata a Camerino ed ex bibliotecaria della locale Università degli Studi  


ROMA - In questo triste momento, l’autrice, che si trova nel Lazio, ci parla con le lacrime agli occhi della sua città Camerino nobile, bella e tranquilla e della sua antica università, che dal 1336 ha istruito ed istruisce migliaia di studenti. Vedere ora, per la seconda volta dopo il 1997, piangere pietredagli antichi muri le fa veramente male, come   le fa male vedere i ragazzi, compresi i suoi figli, con il viso tra le mani piangere sul loro incerto e lontano futuro.

Improvvisamente, come un fiore tra le macerie, sbuca prepotente il suo libroPoggio Paradiso. Versi e versanti dei Monti Sibillini . La poetessa, abbozzando un sorriso ci racconta del periodo della sua vita passato sui Monti Sibillini, dove le escursioni su quelle montagne rotonde e su quegli altipiani fioriti, l'hanno ispirata facendole scrivere poesie d'amore, di evanescente erotismo e di sentimento della natura, che portano tutte come titolo i nomi di quei luoghi..

Scosse

Si accende il pensiero

di scosse venute

dalle furie impetuose

di mostri*

abitanti  in abissi

di terra infuocata,

che piombano addosso

facendo della vita

un ammasso

di polvere e pietre.

Si accende il pensiero

su file di gente

sperduta e isolata

con i visi raccolti

in palmo di mano

e sguardi profondi

di disperazione.

La belva ora tace.

Ha sbranato le prede,

sonnecchia,

ma può  ritornare

soffiare….

e colpire di nuovo.

E’ rimasta una torre,

sono rimaste una chiesa

una casa sperduta

un palazzo crinato.

Continua la furia.

La città ora giace.

Sulle pietre c'è il sole

e di notte la luna.

Si continua a sperare

nella nuova avventura

di una vita di sogno

e non di dolore.

Maria Fontana Cito, 30 ottobre 2016 ore 7,40

*Ovviamente “mostri” è solo una metafora poetica; l’autrice è pienamente consapevole del fatto che l’instabilità della natura è aggravata dall’incuria dell’uomo.

 Desktop2.jpg

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto
Pagina 1 di 14

bianco.png