Visualizza articoli per tag: italia

ROMA - "Sebbene ad oggi non siano emerse attività o pianificazioni ostili in territorio nazionale riconducibili allo Stato Islamico o ad altre formazioni del jihad globale, la minaccia interessa anche l'Italia, potenziale obiettivo di attacchi pure per la sua valenza simbolica di epicentro della cristianità evocata, di fatto, dai reiterati richiami alla conquista di Roma presenti nella propaganda jihadista". E' quanto si legge nella relazione del Dis sulla politica dell'informazione per la sicurezza relativa al 2014. La relazione va inviata annualmente al parlamento entro il mese di febbraio.

Pubblicato in Italia
Etichettato sotto

ROMA - Oggi è stato compiuto un primo passo per abbattere i paradisi fiscali. Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan ed Eveline Widmer-Schlumpf, capo dipartimento federale delle  finanze svizzero, hanno infatti sottoscritto a Milano nella sede della Prefettura, l'accordo in materia fiscale che prevede lo scambio, su richiesta, di informazioni che va a modificare la Convenzione sulla doppia imposizione fiscale Italia-Svizzera.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - La punta dell’iceberg della situazione di disagio in cui si trovano circa un quarto delle famiglie italiane sonodi 4.068.250 di poveri che in Italia sono stati addirittura costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Nel 2013 risultano occupate quasi sei persone su dieci in età 20-64 anni, con un forte squilibrio di genere a sfavore delle donne e un marcato divario territoriale tra il Centro-Nord e il Mezzogiorno.

Pubblicato in Lavoro
Martedì, 17 Febbraio 2015 20:10

Isis minaccia l'Italia. Presto entreremo a Roma

ROMA - Ancora minacce dell'Isis all'Italia. Presto "dominerete tutta l'Africa ed entrerete Roma, con il volere dell'onnipotente Allah": così si chiude un "importante" messaggio dello Stato islamico (Is) intitolato "ai soldati del califfato in Libia, oggi è il vostro giorno", rilanciato sul web da un sostenitore dei jihadisti.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - La partita che si sta giocando in Europa sul destino della Grecia non può non interessarci anche se rischiamo di fare più gli spettatori che i giocatori di fronte al primato indubbio della Germania, il paese  più ricco del Continente guidato da una leader  molto attiva e fattiva come Angela Merkel.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni tuona contro il terrorismo e in particolare l’Isis: “L’Italia ha la responsabilità di porre la Libia come priorità di fronte all'Europa e alla comunità internazionale, perchè la situazione nel Paese si sta deteriorando e le difficoltà incontrate dall'inviato Onu nella sua mediazione tra le parti in conflitto rischia di rafforzare i terroristi”.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - “Dalla fine di dicembre abbiamo espulso nove soggetti: cinque tunisini, un turco, un egiziano, un marocchino e un pakistano. Avevo detto che avremmo avvitato ulteriormente i bulloni dell'operatività del meccanismo delle espulsioni e lo abbiamo fatto fin da prima delle vicende di Parigi". Così oggi il ministro dell'Interno Angelino Alfano in una conferenza stampa al Viminale illustrando le misure contro la minaccia immanente del terrorismo.

“Tra gli espulsi, ha detto ancora il ministro, "anche soggetti autoradicalizzatisi sul web, internauti molto attivi, persone che hanno aderito all'Isis, reclutatori”. Alfano ha spiegato come il dipartimento della polizia di Stato  sia in stato di allerta permanente, “la nostra filiera di sicurezza che si fonda sulle prefetture è in stato di allerta massima”. "Ci saranno presto altre espulsioni - ha poi anticipato  Alfano - ma su questo manteniamo il riserbo, non dobbiamo dare vantaggi a nessuno". 

Potenziata la rete di cooperazione internazionale

Si punta anche a  "potenziare la rete della cooperazione internazionale: sono in costante contatto con i miei colleghi", ha sottolineato ancora Alfano. La settimana scorsa" sono stato in Albania", terra di transito "per i combattenti" e terra che veniva "solitamente utilizzata da rotte contrabbando","sono stato in Turchia perché il fenomeno del contrasto al terrorismo e' molto importante, perché proprio li' ci sono un milione di profughi dalla Siria e da lì sono partite le carrette del mare" alla volta dell'Italia. "Abbiamo chiesto di prevenire questi gesti delle organizzazioni criminali e ho avuta ottima impressione circa la volontà  di collaborare".

Alfano: “Nessun legame tra terrorismo e immigrazione”

Le persone espulse dall'Italia "erano tutte munite di un permesso soggiorno per lunga residenza, concesso parecchio tempo fa, ed erano residenti da parecchio tempo in Italia.  L'attività di controllo non si ferma, ha stigmatizzato Alfano, e “sulle espulsioni continueremo a essere durissimi", ha concluso il ministro.

Salvini su Twitter

E alle dichiarazioni del ministro Alfano ribatte invece il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini che in un tweet scrive: “Dieci immigrati potenziali terroristi  espulsi da Italia in questi giorni. Perché quando #Lega chiedeva  controlli eravamo "allarmisti"?". 

  

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Chissà che la storia d’Italia degli ultimi 20 anni non riesca a smuovere un pochino le coscienze. Di certo in questo ultimo giorno dell’anno datato 2014 peggio di così non poteva andare.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

MESSINA - Si rafforza la partnership militare tra Italia ed Egitto. Alla vigilia di Natale la ministra Roberta Pinotti e il ministro della difesa della Repubblica Araba d’Egitto, generale Sedki Sobhi, hanno siglato a Roma una dichiarazione congiunta in materia di cooperazione tecnico-militare a cui seguirà il prossimo anno la stipula di un accordo intergovernativo generale nel campo della difesa e dell’import-export dei sistemi d’arma.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto