Visualizza articoli per tag: kerala

Venerdì, 29 Luglio 2011 17:46

Usa. Obama cerca di infondere fiducia

WASHINGTON - "Sul debito c'è un accordo di massima". Così oggi Barak Obama ha inquadrato la trattativa con i repubblicani durante una conferenza stampa. L'accordo che non arriva  per l'innalzamento del tetto del debito negli Usa tiene in fibrillazione i mercati finanziari. Il presidente statunitense cerca di comunicare fiducia: "Qualunque soluzione per evitare il default deve essere bipartisan. C'è un accordo di massima tra  democratici e repubblicani, e  le due posizioni non sono distanti mille miglia".

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

WASHINGTON - Il weekend di trattative non ha portato ai risultati sperati: democratici e repubblicani non sono riusciti a trovare un accordo sul come ridurre il debito pubblico nazionale. Il piano economico deve essere approvato entro il 2 agosto, giorno in cui gli Stati Uniti, senza una nuova manovra efficace, andrebbero in crack finanziario e subirebbero un abbassamento del rating.

Pubblicato in Mondo
Mercoledì, 29 Giugno 2011 17:26

Pier Luigi Bersani

"Per ridurre seriamente il debito bisogna far ripartire la crescita con una serie di misure ad hoc. Altrimenti che facciamo? Aspettiamo che nel 2013 si compia il miracolo di un aumento del Pil del 10%?"

Pubblicato in Citazioni

WASHINGTON - Nell'eurozona sussiste un rischio «tangibile» di contagio della crisi del debito sovrano. Lo afferma il Fondo monetario Internazionale nel rapporto regionale dedicato all'Europa. Il Fondo si attende per quest'anno una frenata del Pil di Grecia e Portogallo e ritiene che le tensioni nei Paesi della periferia dell'eurozona rappresentino il principale fattore di rischio per le prospettive dell'economia. Per questo, gli Stati europei devono intraprendere «azioni decise» afferma il Fondo sottolineando che per combattere la crisi del debito è necessario ripristinare la fiducia. La crisi dell'Irlanda ha generato una nuova ondata di turbolenze sul mercato a novembre 2010 intensificando «il rischio sovrano per i Paesi periferici dell'eurozona, contagiando altri Stati come Italia e Belgio». Il Fondo monetario internazionale eidenzia inoltre come gli spread dei titoli governativi si siano ampliati in concomitanza con l'evento in modo più consistente di quanto accaduto nella fase di turbolenza vissuta a maggio 2010. Tuttavia, rileva l'analisi del Fondo, «il contagio all'economia reale è rimasto confinato ai Paesi colpiti» dalla crisi del debito.

Pubblicato in Finanza & Mercati
Lunedì, 18 Aprile 2011 20:25

Debito USA. Ridotto l’outlook tremano le borse

NEW YORK - Standard & Poor’s riduce l’outlook sul debito USA da stabile a negativo. Basta questo per far tremare i polsi ai mercati finanziari di tutto il mondo. Eppure S&P ha veramente scoperto l’acqua calda.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA - Non c'è bisogno di scomodare le tre Agenzie di rating di base americana, la Fitch, la Moody's e la Standard & Poor's, per sapere che il debito sovrano del Portogallo è in seria difficoltà o che l'Irlanda, dopo la Grecia, rischia un default.

Pubblicato in Focus Economia

ROMA - Qualcuno forse si era illuso per un attimo che la crisi potesse essere coniugata al passato, leggendo in positivo qualche timidissimo numerello preceduto dal segno più che si era visto nei mesi scorsi.

Pubblicato in Finanza & Mercati
Venerdì, 12 Novembre 2010 15:27

Ma il debito pubblico che numero è?

ROMA - La Banca d’Italia ha pubblicato oggi il supplemento al Bollettino statistico sulla finanza pubblica.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto