Visualizza articoli per tag: mafia

Il titolo dell’articolo, è un pensiero di Paolo Borsellino, ci conferma che il contrasto alle mafie non si esaurisce nel lavoro della magistratura e delle forze di polizia. La lotta alle mafie è anche un’attività culturale di squadra, di gruppo, di unità.  C’è ancora tantissimo da fare perché le mafie nonostante gli sforzi e i risultati ottenuti non sono per nulla sconfitte, anzi sono più forti di prima. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 14 Settembre 2017 15:33

Testimoni di giustizia: lo Stato da che parte sta?

Nel 2015 il commerciante napoletano Salvatore Castelluccio aveva detto no agli estorsori e senza esitare si era rivolto alle autorità di polizia per denunciare. Da allora vive sotto scorta. Purtroppo la “camorra” l’ha punito in modo esemplare: nel suo locale, non entra più nessuno. Pochi giorni fa, ha deciso di abbassare la saracinesca per sempre.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Lunedì, 21 Agosto 2017 18:07

Lo Stato si consegna alle mafie

Pochi giorni fa il Procuratore Nazionale Antimafia nella sua relazione annuale sulla criminalità organizzata e sul terrorismo ha puntualizzato alcuni aspetti che in pochi hanno letto e in pochissimi hanno visto in tv e nei telegiornali. A tal proposito, come presidente dell’Osservatorio Regionale Antimafia del Molise, vorrei tornare sull’argomento. Franco Roberti ha detto, senza mezzi termini, che la mafia ormai si è infiltrata in tutti i gangli vitali dello Stato italiano.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

L’usura, il pizzo, la prostituzione, gli affari nel settore turistico e i traffici di droga con l'Albania sono solo alcuni dei settori criminali da colpire. Per far questo occorre risolvere due principali problematiche. La prima: la sensibilizzazione del territorio; la seconda: la professionalità della magistratura e delle forze dell’ordine.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Domenica, 02 Luglio 2017 21:19

Politica, democrazia e lotta alle mafie

Vincenzo Musacchio, da sempre impegnato nella diffusione della legalità, contro la corruzione e le mafie. E’ presidente della Scuola di Legalità “don Peppe Diana” di Roma e del Molise nonché giurista e docente di diritto penale in varie Università italiane ed estere. Ha scritto molti articoli e saggi in materia di corruzione, criminalità organizzata e delitti dei colletti bianchi. E’ stato uno degli ultimi allievi di Giuliano Vassalli 

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

Angelo Niceta sta raccontando alla magistratura requirente palermitana le collusioni della sua famiglia con il gotha mafioso (da Bernardo Provenzano a Matteo Messina Denaro). Sia Antonino Di Matteo sia Pierangelo Padova hanno chiesto per lui l’estensione dello status giuridico di testimone di giustizia. La Commissione Centrale del Ministero dell’Interno ha primo concesso e poi negato tale beneficio ritenendo Niceta un collaboratore di giustizia.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - Totò Riina è sottoposto a tutte le cure di cui necessita anche nel regime carcerario del 41-bis, conduce una vita dignitosa e tale sarebbe, a queste condizione, anche l'eventuale morte. Dunque non vi è alcun bisogno di scarcerazione.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

 

ROMA - Tra le questioni più gravi che la nostra democrazia si trova a dover affrontare vi è senza dubbio quella della predominanza delle mafie nei nostri territori. Nel dominio mafioso strettamente connesso a quello della corruzione si è costruita una vera e propria struttura di potere, che è politico, economico, finanziario, ma anche sociale.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Venerdì, 21 Aprile 2017 11:04

Mafia. Il Procuratore Roberti parla agli studenti

REGGIO CALABRIA - "Liberta', uguaglianza, giustizia, solidarieta', cittadinanza. Sono questi i principi per cui dobbiamo batterci, renderli vivi, portarli nella quotidianita' di ciascuno di noi e nel rapporto con gli altri.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Domenica, 26 Marzo 2017 22:02

Lezione sulle Mafie a Castelforte

A Castelforte in provincia di Latina, un tempo roccaforte del clan dei Casalesi, si parla di “Mafie e società civile”. La palestra dell’istituto Omniconprensivo “B.Tallini” è stracolma di studenti. “Ragazzi fate gruppo, unitevi, confrontatevi e discutete tra di voi e con i vostri docenti, perché le mafie temono molto la cultura e l’indipendenza di pensiero”. Sono le prime parole di Vincenzo Musacchio, direttore della Scuola di Legalità “don Peppe Diana” di Roma e del Molise.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Pagina 1 di 16

bianco.png