FOCUS ECONOMIA
Lunedì, 13 Febbraio 2012 16:41

Europa: qualcosa si muove

Scritto da

ROMA - Nell’ultimo summit del Consiglio Europeo tenutosi a Bruxelles a fine gennaio si è parlato molto del “Trattato di stabilità, di coordinamento e di governance”. Il documento mette però al primo posto ancora una volta il rigore e non la ripresa.

ROMA - Continua la strategia di demolizione dell’euro e dell’Ue.  Dopo il declassamento dell’Italia, della Francia e di altri 7 paesi dell’Unione europea, l’agenzia di rating americana Standard & Poor’s ha tolto la tripla A anche all’Esfs, il fondo salva stati.

Lunedì, 16 Gennaio 2012 08:53

Le carte di Monti in Europa

Scritto da

 

Il 2012 sarà l'anno cruciale per l'Italia ma il nuovo accordo europeo non si basa su una visione unitaria della ripresa economica. Tommaso Padoa Schioppa ci ricordava che "se tutti i governi nazionali tenessero in ordine la propria casa, sarebbe in ordine anche il mondo intero". La cooperazione unitaria è il vero motore dello sviluppo

Gli Stati e la Bce non possono fare più di quello che hanno già fatto. Per salvare il sistema finanziario internazionale ora c'è bisogno di riforme strutturali: privare di ogni potere le agenzie di rating e togliere di mezzo i derivati e gli altri prodotti speculativi, che intossicano i mercati e servono solo ad arricchire un ristrettissimo numero di persone. Ai danni dei cittadini


ROMA - Il dibattito in Parlamento sull'emergenza economica è stato per tutte le parti in campo un evento di stampo «provinciale». Si è perso ancora una volta un appuntamento importante con la storia.

Mercoledì, 13 Luglio 2011 12:40

Un ministero in difesa dell'euro

Scritto da

ROMA - Lo stato della nostra economia e il caos politico interno della maggioranza di governo, per quanto gravi, non spiegano del tutto l'attacco speculativo contro l'Italia. La speculazione contro i titoli di stato e la borsa italiani, dopo quella contro gli altri paesi del Pigs, fa parte di una strategia concertata per far saltare il sistema dell'euro e minare definitivamente le strutture dell'Unione europea.

ROMA - La Commissione europea, come noto, ha raccomandato all'Italia di mettere i conti a posto, di diminuire il debito pubblico e di azzerare il deficit entro il 2014. In soldoni questo vuol dire un taglio di 45 miliardi entro la data indicata. Non si tratta di imporre austerità all'Italia e all'Europa, dice Bruxelles, ma «l'insostenibilità delle finanze pubbliche sta limitando il nostro potenziale di crescita».

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]