Visualizza articoli per tag: Chernobyl

Rimandato a novembre 2017 il completamento del sarcofago che dovrà coprire il reattore contenente ancora 180 tonnellate di combustibile

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

29 anni dopo, ancora situazione disastrosa e nuova centrale nucleare in costruzione. “Si continua a vivere in aree contaminate e a sviluppare patologie tumorali in Bielorussia, Russia e Ucraina, mentre va avanti la costruzione della nuova centrale nucleare bielorussa” . Ogni anno 100 bambini ospiti del Progetto Rugiada di Legambiente.

Pubblicato in Società

Legambiente: “A 28 anni dall’incidente situazione ancora drammatica e altamente rischiosa. L’Europa s’impegni per la rapida messa in sicurezza del sarcofago e la salvaguardia della popolazione che vive nell’area del disastro nucleare”

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Chiedere alla Comunità Internazionale interventi concreti per aiutare i bambini che vivono ancora nelle zone contaminate ed effettuare monitoraggi indipendenti della radioattività nell’ambiente. 

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Mercoledì, 13 Febbraio 2013 14:27

Chernobyl. Crollo in area vicino a reattore

Legambiente: “Accelerare i lavori di realizzazione del nuovo sarcofago”

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Uno studio, durato 20 anni, mostra che anche basse dosi di radiazioni possono essere legate alla malattia

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Appello alla Commissione Europea e alla Commissione internazionale per sostenere le popolazioni vittime dell’incidente nucleare del 1986.  Continua il Progetto Rugiada in Bielorussia per i bambini di Chernobyl

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

TORINO - Sergio Marchionne ha scritto una lettera al presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, in cui informa che Fiat e Fiat Industrial dal primo gennaio 2012 usciranno da Confindustria.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Chi aveva dubbi è stato accontentato. Berlusconi è nel mirino di tutti (giustamente) ma chi spera che ogni cosa torni al suo posto con la dipartita di Berlusconi, forse dovrebbe riflettere bene.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Bisogna "agire rapidamente" perchè il Paese "rischia molto". E'  questo in sintesi l'appello che la presidente di Confindustria, Marceglia, ha lanciato dal Workshop Ambrosetti di Cernobbio durante  il quale ha manifestato "la forte preoccupazione delle imprese", come è emerso  nei giorni scorsi. L'Italia secondo Marcegaglia, ha un problema "di credibilità" e la manovra correttiva "deve avere saldi certi". Ma la cosa che "manca completamente è un piano per la crescita".

Pubblicato in Primo piano
Pagina 1 di 2

bianco.png