Visualizza articoli per tag: ECONOMIA

Abbiamo la popolazione lavorativa più anziana d’Europa. Nel 2016, segnala l’Ufficio studi  della CGIA, l’età media degli occupati in Italia era di 44 anni, contro una media di 42 registrata nei principali paesi Ue. Negli ultimi 20 anni, inoltre, l’età media dei lavoratori  italiani è salita di 5 anni, un incremento che in nessun altro paese è stato così rilevante  (vedi Tab. 1).

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

La questione del debito pubblico globale è sempre più scottante. Ovunque la si guardi essa suscita preoccupazione e paura. In generale nei media il debito pubblico è sinonimo di fallimento o di rischio. Non è una valutazione sbagliata poiché nel mondo esso è aumentato da 30 trilioni di dollari del 2007 ai 65 trilioni attuali. 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Martedì, 19 Settembre 2017 17:11

Jackson Hole: le reticenze delle banche centrali

E’ stato un incontro molto “strano” quello di fine agosto a Jackson Hole, dove si sono confrontati Janet Yellen, presidente della Federal Reserve e Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea.  

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Lunedì, 18 Settembre 2017 19:03

Serve una moda slow per un’economia circolare

MILANO – All’apertura della Settimana della moda di Milano, Greenpeace ha pubblicato oggi il nuovo rapporto “Fashion at the crossroads”, che raccoglie quasi 400 esempi di alternative al modello corrente di industria della moda, che consuma troppe risorse. Per la prima volta viene presentata una rassegna di soluzioni già praticate che, messe insieme in un quadro coerente, aiutano a disegnare scenari più sostenibili.   

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

“Prima di dar luogo a nuovi assunzioni – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo -  la Pubblica amministrazione azzeri i debiti commerciali contratti con le aziende fornitrici che, secondo le stime della Banca d’Italia, ammontano a 64 miliardi di euro, di cui 34 ascrivibili ai ritardi nei pagamenti. Una piaga, quella dei mancati pagamenti, che, purtroppo, continua a mettere in difficoltà moltissime imprese private soprattutto di piccola dimensione”. 

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto
Sabato, 16 Settembre 2017 09:14

L'economia occidentale arranca, i Brics corrono

In Europa, purtroppo, si è talmente concentrati a osservare il proprio ombelico che, quando i Paesi BRICS s’incontrano, a malapena si riesce a ricordare il luogo e il numero dei partecipanti all’evento. Del contenuto e degli obiettivi strategici, poco o niente. Eppure il loro peso, rappresentato dal 40% della popolazione mondiale e dal 25% del Pil mondiale, esigerebbe un’attenzione maggiore.  

Pubblicato in Focus Economia
Etichettato sotto

Finalmente ci siamo: dopo la pausa estiva continua il lavoro dei tecnici ministeriali che porterà al definitivo addio agli studi di settore. Così come previsto dalla manovra correttiva approvata nella primavera scorsa, entro la fine di settembre il numero degli indicatori di affidabilità economica presentati alle categorie salirà a 37: 14 varati a luglio e i rimanenti 23 entro questo mese.  Prima della fine dell’anno, comunque, il debutto delle nuove “pagelle” fiscali relative all’anno di imposta 2017 salirà a quota 70.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto
Mercoledì, 30 Agosto 2017 10:10

Mario Draghi: l'uomo che ha salvato l'Europa

Nell'anno in cui ricorre il trentesimo anniversario dalla scomparsa, e non sappiamo se anche dalla morte, del grande economista Federico Caffè, ricorrono, per uno strano caso della vita, anche i settant'anni di uno dei suoi allievi più celebri e brillanti: Mario Draghi, attualmente governatore della Banca Centrale Europea (BCE).

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Lunedì, 07 Agosto 2017 22:49

Dieci anni e una crisi

Dieci anni dall'esplosione della devastante crisi, economica e non solo, che ha modificato per sempre il nostro immaginario collettivo, ponendoci al cospetto di una stagione del mondo che, palesemente, non eravamo preparati ad affrontare.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

Nel 2017 la pressione fiscale ufficiale è attesa, secondo i calcoli dell’Ufficio studi della CGIA, al 42,5 per cento (*). Il peso delle tasse sui contribuenti italiani fedeli al fisco, invece, sarà superiore di oltre 6 punti: la pressione fiscale reale, infatti, è prevista al 48,8 per cento (**).  

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto