Visualizza articoli per tag: assad

ROMA - E’uno stillicidio di morti, tante  donne e tanti bambini, civili uccisi nelle loro case, cadaveri ritrovati in ogni dove,perfino nelle moschee, giorni e giorni di feroci bombardamenti,  con gli aerei, i carri armati, l’artiglieria pesante. Questa  è la Siria da più di un anno e mezzo.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

DAMASCO - La cronaca ci racconta di una Siria ormai in guerra feroce: le truppe fedeli al Presidente Assad hanno lanciato una tremenda controffensiva nel fine settimana, con bombardamenti aerei, artiglieria pesante e truppe corazzate, in un escalation degli scontri che avrebbero ormai portato il numero delle vittime a diverse decine di migliaia e che si sono estesi a tutto il Paese.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Fine settimana di aumenti sulla rete carburanti. Q8 ha rialzato di 0,5 centesimi il prezzo della benzina, Tamoil di 0,5 centesimi la verde e di 0,3 centesimi il diesel, Shell di 1 centesimo entrambi i prodotti.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto
Venerdì, 30 Settembre 2011 18:57

Basilicata. Boom di domande per bonus benzina

MATERA - Sono stati 270.000 i lucani, muniti di patente, che hanno fatto richiesta alle Poste Italiane del «bonus idrocarburi», una card da circa 100 euro pro capite per fare rifornimento gratuito di benzina.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Pasqua di passione per gli italiani che si metteranno in viaggio in auto durante questi giorni di festa. Gli automobilisti dovranno infatti mettere in conto una stangata da 35 milioni di euro a causa del rincaro dei carburanti. L'allarme arriva dai consumatori che, confrontando i listini attuali con quelli della Pasqua 2010, evidenziano aumenti a due cifre sia per il diesel che per la verde. «Rispetto al venerdì di Pasqua dello scorso anno (2 aprile 2010), un litro di verde costa oggi il 12,7% in più, mentre per il gasolio si spende il 21% in più», spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. «Ipotizzando un rifornimento di 20 litri, per gite fuori porta e spostamenti durante le festività, l'aggravio di spesa sarà pari a +3,6 euro ad automobilista per le auto a benzina, +5,2 euro per le auto a gasolio. Ovviamente - osserva Rienzi - la spesa sale sensibilmente qualora si decidesse di riempire il serbatoio: per un pieno di benzina si spendono oggi 9 euro in più rispetto allo scorso anno, mentre per un pieno di diesel occorre mettere in conto una maggiore spesa pari a 13 euro».

Pubblicato in Imprese

ROMA - Dopo scioperi, sollevazioni, perorazioni di direttori d’orchestra come Riccardo Muti, il Governo degli indecisi ha ripristinato il Fondo unico per lo spettacolo (Fus), riportandolo ai livelli antecedenti (oltre 400 milioni di euro, già comunque insufficienti). Ma lo ha fatto mettendo abbondantemente le mani nelle tasche degli italiani, cioè aumentando di 1 o 2 euro al litro le accise sui carburanti. Una decisione che ha dell’incredibile e che dimostra, se mai ce ne fosse ancora bisogno, come il caos più completo regni nella maggioranza di centro-destra. Infatti, a poche ore dalla decisione, in ambienti governativi si fa presente che forse l’aumento delle accise non ci sarà e che il solerte ministro Tremonti potrebbe reperire i soldi da qualche altra parte. Sarebbe stato sufficiente predisporre l’election day (accorpamento di elezioni amministrative e referendum) per trovare, come d’incanto, i soldi necessari senza spremere ancora una volta gli automobilisti.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - L'aumento del prezzo della benzina non dipende dal calo dell'offerta libica. 

Pubblicato in Economia

ROMA - L'aumento del prezzo della benzina, fino al record di 1,568 euro raggiunto oggi, ricadrà sulle famiglie italiane con una stangata da 1.200 euro su base annua. È quanto calcolano le associazioni dei consumatori che aderiscono a Casper. I prezzi record della benzina, unitamente all'impennata dell'inflazione, secondo Casper determineranno una maggiore spesa a famiglia per complessivi 1.205 euro su base annua: 915 euro solo per gli effetti inflattivi, 300 euro addebitabili al caro-benzina. Per questo Casper chiede al Governo di considerare prioritaria la lotta all'inflazione e di intervenire immediatamente per frenare sul nascere qualunque tentativo di rialzo ingiustificato dei prezzi e salvaguardare i bilanci delle famiglie. In particolare è indispensabile bloccare le tariffe energetiche per tutto il 2011, disporre un taglio delle accise sulla benzina non inferiore a 5 centesimi di euro al litro, e introdurre un meccanismo di sterilizzazione degli aumenti dei prezzi dei carburanti. L'Adoc avverte poi che, senza uno stop, la verde raggiungerà quota 1,70 euro entro i prossimi due mesi.

Pubblicato in Imprese
Etichettato sotto

ROMA - La crisi libica ha causato la lievitazione del costo delle benzine: al Sud si è raggiunto il nuovo record di 1,576 euro al litro per la verde; il diesel è arrivato a quota 1,455.

Pubblicato in Economia

ROMA - Dal primo gennaio i pedaggi autostradali aumenteranno in media del 3,3%, con la rete di Autostrade per l'Italia in rialzo dell'1,9% e la Val d'Aosta che registra il picco di un +14%. I consumatori insorgono e quantificano l'aggravio in 20-25 euro, ma l'Aiscat risponde che i rincari tengono conto degli investimenti fatti dalle concessionarie. A firmare i decreti con gli aumenti, in base all'istruttoria condotta dall'Anas, sono stati i ministri delle Infrastutture e dei Trasporti e dell'Economia. Se l'aumento medio ponderato per l'intera rete è del 3,3%, molto diversificati sono i rialzi per le diverse concessionarie.

Pubblicato in Primo piano

bianco.png