Visualizza articoli per tag: attentato

DAMASCO - 15.37  Il Pentagono ritiene che la guerra civile siriana stia «rapidamente finendo fuori controllo». Lo ha dichiarato il ministro della Difesa Leon Panetta, «molto preoccupato» dall'escalation delle violenze, che rendono indispensabile aumentare la pressione su Assad. Sulla stessa linea l'omologo britannico, Philip Hammond, a  Washington, secondo il quale la situazione in Siria si sta deteriorando e sta diventando sempre più imprevedibile.

Pubblicato in Primo piano

Sospeso il preside della scuola Morvillo Falcone. Il difensore di Vantaggiato pensa al ricorso

Pubblicato in Primo piano

ROMA - All'indomani della cattura del titolare del deposito carburanti di Copertino, Giovanni Vantaggiato,  il presunto attentatore che il 19 maggio scorso ha piazzato una bomba davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi, restano  i dubbi sul movente.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - A  Brindisi è stata data una definizione molto chiara della tragedia andata in scena sabato scorso: “strage con finalità terroristiche”.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Il tragico  attentato di Brindisi che ha provocato la morte della sedicenne Melissa Bassi, sembrava fosse arrivato ad una svolta decisiva. Poi invece no. Pochi minuti dopo, sì. E poi ancora sospetti che alimentano dubbi, che sbriciolano le precedenti certezze.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - E' caccia al presunto attentatore di Brindisi. Quello che, immortalato da una telecamera, ha azionato il telecomando provocando morte e terrore davanti alla scuola «Morvillo Falcone».

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Si procede per il reato di strage.  Forse un ex militare esperto di elettronica l'uomo che ha piazzato le bombole a gas. Tra le ipotesi il gesto di uno sconsiderato, ma potrebbe anche non aver agito da solo

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Sabato, 19 Maggio 2012 23:01

Ricordando Melissa

ROMA - Un quaderno aperto, con le pagine mosse dal vento, libri bruciacchiati, zainetti aperti, indumenti bruciacchiati, frammenti di vetro e di altro materiale che hanno provocato morte e distruzione.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ORE 16,23 - Il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, ha lasciato poco fa la prefettura di Brindisi al termine della riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. Il magistrato non ha fatto dichiarazioni.

Pubblicato in Primo piano

Vogliono tagliare i loro stipendi, dopo averli già ampiamente tartassati con il blocco delle retribuzioni e un taglio mostruoso dei finanziamenti alla scuola. Ma è proprio sicuro che siano loro i responsabili del dissesto dei conti pubblici?

Pubblicato in Primo piano

bianco.png