Visualizza articoli per tag: proteste

BRUXELLES - Sono ripresi a Bruxelles i negoziati sul trattato di libero scambio con gli Stati Uniti, e sono riprese le proteste contro un accordo, considerato da alcuni un vero e proprio cavallo di Troia contro gli standard di qualità europei.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

Il Niger è stato teatro di violente proteste contro le vignette di Charlie Hebdo: almeno dieci persone sono morte tra venerdì e sabato, nella capitale Niamey e a Zinder, seconda città del Paese.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA -  Non accennano a placarsi le proteste negli Stati Uniti, dopo la decisione del Gran Giurì di non procedere contro il poliziotto che il 9 agosto scorso uccise Mike Brown, ormai è il terso giorno consecutivo di manifestazioni. Tuttavia la situazione appare più tranquilla nel sobborgo di St. Louis, dove infatti non si sono registrati né incidenti, né  scontri. 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA  -  Dopo un tam tam di giorni e azioni di avvicinamento, domani a Roma, come in molte altre città d'Italia, è tempo di sciopero sociale. Per 24 ore studenti, sindacati di base, precari, migranti, disoccupati, lavoratori e movimenti incroceranno le braccia e la Capitale sarà invasa da manifestazioni.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Non è chiarissimo quello che sia successo ieri al ministero dello Sviluppo economico tra le parti che discutevano il futuro dei lavoratori della Ast di Terni, visto che il nodo cruciale e fondamentale di questa vertenza, ovvero lo spettro dei licenziamenti, non sembra essere risolto. E se viene espressa soddisfazione per lo sblocco della trattativa in corso è bene farlo con cautela.

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

Continuano, violente, le manifestazioni in Messico per chiedere la liberazione dei 43 studenti sequestrati un mese fa dalla polizia nello Stato di Guerrero e da questi consegnati alla criminalità organizzata. Come ha confermato il procuratore generale, sarebbe stato lo stesso sindaco della città di Iguala, José Luis Abarca, ad ordinare alla polizia municipale di dare l’assalto ai pullman degli studenti, temendo che questi venissero a dimostrare contro sua moglie, candidata a succedergli.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

Devono sgomberare entro lunedì. L’avvertimento lanciato ai manifestanti dal capo del governo di Hong Kong suona in tutto e per tutto come un nuovo ultimatum. E sebbene l’uso della forza non venga esplicitato, il messaggio è che la polizia ricorrerà a ogni azione necessaria affinché le scuole possano riaprire e i 3mila impiegati del governo tornare al lavoro. 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

 

I manifestanti gli avevano chiesto di dimettersi, minacciando di occupare gli uffici del potere se non lo avesse fatto, ma il premier di Hong Kong ha fatto sapere di non avere alcuna intenzione di andare via. Anzi, mette in guardia i dimostranti da pesanti conseguenze nel caso in cui la folla si rifiutasse di sgomberare.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

HONG KONG - Calma nelle strade di Hong Kong, nel quinto giorno dall'inizio delle proteste per la democrazia, contro le ingerenze di Pechino.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

BUENOS AIRESNon c‘è spazio per la protesta in Argentina. Soprattutto se la mobilitazione blocca l’arteria principale del traffico del paese verso Buenos Aires, la Panamericana. Il presidio dei lavoratori della multinazionale statunitense Lear è stato quindi rimosso con violenza dalle forze di polizia, a suon di idranti, pallottole di gomma e gas lacrimogeni.

Pubblicato in Mondo