Visualizza articoli per tag: redditometro

Per il 2013 il gettito previsto dall’applicazione del redditometro si attesterà attorno agli 815 milioni di euro. Questo bottino peserà mediamente su ciascun contribuente per quasi 20 euro, consentendo di recuperare lo 0,7% dell’evasione totale che è stimata attorno ai 120 miliardi di euro all’anno

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

ROMA - In funzione il nuovo redditometro: fari puntati sugli scostamenti significativi tra reddito dichiarato e capacità di spesa manifestata, ma solo se il gap è di almeno il 20 per cento. Nella selezione dei contribuenti a maggior rischio di evasione, l'Amministrazione finanziaria prenderà in considerazione solo spese e dati certi (presenti in Anagrafe tributaria o nella dichiarazione dei redditi) e non terrà conto delle spese medie Istat, che, pertanto, non verranno prese in considerazione nel calcolo dello scostamento tra reddito dichiarato e reddito ricostruito.

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto
Giovedì, 01 Agosto 2013 17:10

Cgia. Assolto il redditomentro, ma solo per ora

Bortolussi: “Nel 2013 il fisco recupererà pochi spiccioli: solo 815 milioni di euro, ovvero lo 0,7% dell’evasione fiscale presente in Italia che, ricordo, ammonta a circa 120 miliardi di euro all’anno”

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

Dal redditometro il fisco incasserà 815 milioni, ma da Tares e aumento Iva previsto da luglio gli italiani pagheranno 4 miliardi in più rispetto al 2012

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

VENEZIA - “Il redditometro non sarà quello spauracchio che qualcuno vuole farci credere. I contribuenti onesti non devono temere nulla: non sarà né feroce né repressivo.”

Pubblicato in Economia
Etichettato sotto

E’ strano come certi strumenti, pur essendo presenti da tanti anni, riescano a vestire panni nuovi e ad essere ammantati di mistero e novità.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Dopo l’articolo-editoriale di Alberto Asor Rosa sul “Manifesto”, soprattutto sulla Rete, si è scatenato un dibattito che alterna perplessità ad entusiastiche approvazioni. Ma che cosa ha veramente scritto lo storico della letteratura italiana?

Pubblicato in Dazebao le idee

bianco.png