‘Ndrangheta. In manette il boss Matalone. Era al mare con moglie e figli

REGGIO CALABRIA – Arrestato Roberto Matalone, 35 anni, considerato elemento di spicco della cosca di ‘ndrangheta dei Pesce, operante a Rosarno.

L’uomo è stato catturato su una spiaggia di Ioppolo, nel Vibonese, dove era appena giunto con moglie e figli. E strana coincidenza, stava seduto sullo sdraio intento a leggere il libro di Andrea Galli, “Cacciatori di mafiosi”, in cui si racconta proprio la cattura del cognato Francesco Pesce, detto “u testuni”. Matalone era latitante dal 2010, dopo un provvedimento di fermo disposto dalla Dda di Reggio Calabria. Era imputato nel procedimento “All inside”.

Gli uomini dell’Arma sono arrivati a lui seguendo i movimenti dei familiari, specie quelli della moglie Maria Grazia.  Il ricercato  aveva affittato a Ioppolo una villa con piscina e giardino, in una zona molto frequentata da turisti, con lo scopo di confondersi. Ma i carabinieri del Ros lo hanno individuato  filmando i suoi spostamenti  per le vie del paese.

Condividi sui social

Articoli correlati