Visualizza articoli per tag: LIBRO

“Resta quel che resta” è il nuovo romanzo della scrittrice altoatesina Katia Tenti, che si concentra sull’annoso tema dell’identità dei popoli e sull’integrazione. Ambientato subito dopo la fine della Grande Guerra, racconta la difficile transizione dell’Alto Adige/Südtirol da tedesco a italiano, con tanti che si trasferirono in quelle aree a caccia di fortuna e di una vita più decorosa.

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

All’evento organizzato dall’associazione “Communica” con il patrocinio del comune di Martina Franca, parteciperà il sindaco Gianfranco Palmisano e l’assessore alle Attività Culturali Carlo Dilonardo

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

Guido Domingo, 42 anni, è un biologo ricercatore, originario della provincia di Varese: vive in un piccolo paese, Cavaria Con Premezzo, per coltivare la sua passione per la montagna.

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

Arturo Bernava è già noto alla critica e al pubblico per aver vinto numerosi concorsi letterari con il suo primo romanzo “Il colore del caffe” e aver ottenuto pregevoli riconoscimenti, tra i quali spicca la medaglia della Presidenza del Senato, con i racconti “Elevatementi”.

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

«La mia unica vita, la mia vita unica» è una psico-biografia incentrata sulla straordinaria vita di Cristina Pisanu. 

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

Un libro per conoscersi a fondo

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

Un thriller nordico, dove leggenda, mito e omicidi s’intrecciano sullo sfondo delle Dolomiti

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

“Ukraina- Stranieri amori alle soglie della guerra”, edito dall’associazione culturale Il Foglio Letterario a fine agosto del 2022, è stato scritto da Gabriele Lanci.

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto
Venerdì, 14 Ottobre 2022 18:42

Arturo Bernava presenta “Le risate del mondo”

Un romanzo storico che ripercorre le turbolente vicende italiche a cavallo dell’armistizio del 1943

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto

Eppure, per la prima volta da quando l’homo sapiens o forse i suoi più antichi progenitori avevano acquisito consapevolezza di sé e della propria mortalità, quel dolore senza consolazione che non fosse quella di confidare in improbabili o indifferenti divinità, era in parte lenito da una speranza non altrettanto esile.

Pubblicato in Il libro
Etichettato sotto
Pagina 1 di 40

bianco.png