Visualizza articoli per tag: festival

ROMA - “La bocca del Lupo” conferma le scelte di qualità del festival di Villa Medici. Lungometraggio diretto da Pietro Marcello è liberamente ispirato al romanzo omonimo di Remigio Zena, ha ottenuto il premio come miglior documentario ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento, ed è vincitore altresì del Torino Film Festival nel 2009.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

I film vincitori della seconda edizione: LE CHAMP DES MOTS di Rania Stephan

 

(Premio Villa Medici per il miglior film) GIGI LA LEGGE di Alessandro Comodin

(Premio della Giuria)

ROMA - Sabato 17 settembre alle 20.30, sul palco allestito sul Piazzale di fronte alla storica facciata della Villa Medici, si è svolta la cerimonia di premiazione della seconda competizione internazionale del Festival di Film di Villa Medici, dedicato alle opere che esplorano le pratiche contemporanee dell'immagine in movimento.

Sul palco, la giuria composta da Marie Losier, Pietro Marcello e Sylvain Prudhomme, insieme al direttore di Villa Medici Sam Stourdzé, ha annunciato i due film vincitori.

A vincere il premio come miglior film è stato LE CHAMP DES MOTS della regista Rania Stephan (2022, Libano, 70’) qui presentato in prima mondiale, con la seguente motivazione: “Per la potenza dell'oggetto; il carisma, l'impegno, la sincerità a volte cruda del personaggio e l'evocazione dell'esilio; l'amore tra la regista e la donna straordinaria che filma; la forza della testimonianza che questo film rappresenta e tutto ciò che ci fa capire sulla difficoltà e la fatica di testimoniare; l'emozione delle parole di Samar Yazbek e di questo ritratto che dà senso al gesto di continuare a creare."

Rania Stephan, nata in Libano, si muove tra videoarte e documentario creativo. Il cinema e la letteratura possono rendere conto della tragedia della guerra? Dialogando con la scrittrice siriana Samar Yazbek, il film tesse vari elementi visivi e sonori per dare un senso alla violenza del mondo. La vincitrice riceverà un premio di 5.000 euro e una residenza creativa a Villa Medici.

A vincere il Premio speciale della giuria è stato invece GIGI LA LEGGE (2022, Italia, Francia, Belgio, 105’), lungometraggio del regista Alessandro Comodin, che lavora nella regione in cui è cresciuto, il Friuli Venezia Giulia. Il suo film racconta la storia di Gigi, un agente di polizia in una zona di campagna dove non succede mai nulla. Un giorno, però, una ragazza si getta sotto un treno… come altri hanno fatto prima di lei. Di fronte a questa ondata di suicidi inspiegabili, Gigi inizia a indagare su uno strano mondo, tra realtà e fantasia. Il vincitore riceverà un premio di 3.000 euro e una residenza creativa a Villa Medici.

Il Premio a questo film è stato assegnato con la seguente motivazione: "Per la delicatezza, l'umorismo e la generosità; l'eleganza e la grazia della regia; la bellezza e la tranquillità del personaggio; la dolce follia dell'incarnazione della legge, e per inviare i nostri migliori auguri a quest'uomo che vorremmo incontrare ogni giorno”.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

La 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, che si è conclusa sabato 10 settembre al Lido, prosegue online con nove cortometraggi delle sezioni Orizzonti e Fuori Concorso visibili nella Sala Web dal sito www.labiennale.org, con proiezioni collocate per conto della Mostra sul sito operato da Festival Scope (www.festivalscope.com).

Etichettato sotto
Martedì, 13 Settembre 2022 15:25

Festival di Villa Medici. I tre film di Venezia 79

ROMA - Il festival di Villa Medici nel 2022 è arrivato alla sua seconda edizione. Sono 14 i film in concorso, di varia durata e di tutti i generi, realizzati da artisti e cineasti le cui opere si distinguono per la singolarità del soggetto o della forma.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

ROMA - Dal 14 al 18 settembre presso l'Accademia di Francia a Roma - Villa Medici avrà luogo la seconda edizione del Festival di Film di Villa Medici, con quattordici film in concorso, proiezioni all’aperto, una programmazione di pellicole fuori concorso, incontri, carte bianche, masterclass e installazioni.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

VENEZIA - Si è svolta al Sina Centurion Palace di Venezia la premiazione della ventunesima edizione del Premio Fondazione Mimmo RotellaEvento Collaterale della 79a edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, dedicato alla feconda relazione tra i linguaggi del Cinema e dell’Arte, nato nel 2001 per volontà del grande artista calabrese Mimmo Rotella (Catanzaro 1918 – Milano 2006).

Etichettato sotto

La Giuria di VENEZIA 79, presieduta da Julianne Moore e composta da Mariano CohnLeonardo Di CostanzoAudrey DiwanLeila HatamiKazuo Ishiguro e Rodrigo Sorogoyen, dopo aver visionato i 23 film in competizione ha deciso di assegnare i seguenti premi:

Etichettato sotto

VENEZIA Va a Siccità di Paolo Virzì (Venezia 79) e al cast corale dei suoi protagonisti il Premio Francesco Pasinetti 2022 assegnato a Venezia, come tradizione, dal Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI).

Etichettato sotto

VENEZIA - Dalla luna all’Inghilterra di Georgia Oakley, regista del film Blue Jean (vincitore del Premio del Pubblico) passando per il Libano di Wissam Charaf (Dirty Difficult Dangerous, vincitore del Label Europa Cinemas) e per il Canada di Graham Foy (che con The maiden vince il riconoscimento BNL x Cinema del Futuro) fino all’Isola di San Miguel, nelle Azzorre (Portogallo), dov’è ambientato Lobo e cao, il film di Cláudia Varejão vincitore del GdA Director’s Award 2022. 

Etichettato sotto

VENEZIA - “Blonde” il film ispirato a Marilyn Monroe di Andrew Dominik, prodotto da Netflix e dunque destinato non solo alle sale, è tratto dalla biografia romanzata di Joyce Carol Oates.

Etichettato sotto

bianco.png