Venerdì, 22 Ottobre 2010 09:52

L’italiano in-formato

Scritto da

Io, a me, la Gabbanelli nu la posso vede. Nu la posso vede perché ogni vorta se la pia cor presidente der consijo Sirvio, ch’è sceso ‘n politica pe sarvà er paese, mica bruscolini.

Che a lui, me devi da dì, ma chi j’ò faceva fà da scenne ‘n politica co tutti li sordi che c’aveva. Se ne poteva sta a’ Ntigua, ‘mmezzo a tutte ee fiche de sto monno a pià er sole e bevesi i cocteils. Ma lui c’ha tarmente tanti sordi che j’arimbarza e le ville de ‘Ntigua je parono ‘n condominio, anaicapito.

Io, a me, Saviano n’o sopporto propio. Ha fatto ‘n boato de sordi a parlà male dà camora de Napoli e de l’impicci dei napoletani, è diventato ‘n sacco famoso e mo sta sempre ‘n giro pe li teatri (che nun so manco che vor dì) a parlà a vanvera de quello che je pare a lui e je danno na barca de quatrini, taccisua, quanno io sto a milledducento euri ar mese e ‘n c’ho na lira pe fà due. E poi, alla fine, è napoletano pure lui, capito come? E io so daa Roma: i napoletani nu li posso vede.

Io, a me, Zagrebesky, quello daa costituzzione d’Itaglia, nun lo posso vede. A parte er fatto che co quer cognome sarà negro, o quarcosa der genere, e io, si permetti, so razzista e fascista, ma poi dice pure ‘n sacco de fregnacce su la cenzura e su tutta na serie de cose che nun capisco er significato e allora nun c’azzecco e me sembra de stà a sentì uno che nun è itagliano. ‘N fatti è negro Zegrebesky, mesà.

Io, a me, Travaglio, veramente l’ammazzerebbe. Sta sempre lì aa televisione a parlà co quaa agendina ‘n mano de giudici, de Berlusconi, de tutta na serie de cose che aa fine ma che ce frega a noi, no? Guadagna pure lui ‘n boato de sordi e chiacchiera che te sfonna er cervello. Cio vojo vede a ‘mpastà a carce tutto er giorno quer mezzo finocchio. Cio vojo vede propio.

Santoro o lascio perde, ché quello è communista. I communisti se magnano li ragazzini, ma te renni conto? E so rosiconi perché l’artri c’hanno i sordi e loro nun c’hanno na lira. ‘Nvece Santoro c’ha pure li sordi, taccisua, capito come? Sto ‘nfame.

Tutti l’artri m’arimbarzano, ché contano poco: Di Pietro è na guardia e nu lo carcolo; Concita De Gregorio è donna e communista, peggio de così se more; Vauro è ridicolo, poraccio e Vendola è culattone, pensa te. Mo annamo pure a votà i froci…!? È propio vero che sto paese è arivato ar capolinea, mamma mia ahò.

Io so n’itagliano ‘n formato. So uno che legge. Quanno che me arzo la matina presto me spacco subbito UnoMatina, che m’alleggeriscono su ‘n po’ de situazzioni gajarde, poi a pranzo me faccio a ciavatta co la frittata e je dò su ItagliaUnoSport, gajardissimo su tutte le notizzie der carcio che me la fanno pià bbene na cifra.

Poi me compro er giornale pe legge de quo zozzo de Fini che c’ha a casa a MonteCarlo, taccisua pure a lui, piena de cucine, de faretti, de cose n’credibbili che me fanno rosicà na cifra, ma mica pe la casa, no…perché con culo der genere j’a vai pure a regalà a tu cognato, ma che davero stai fòri de testa? Allora nun lo posso vede manco a lui.

Poi torno a casa ‘ntorno ae cinque e me vedo a replica daa trasmissione co qua bbona de Barbara D’Urso. Mamma mia quanto m’arisurta quella ahò! È n’po’ bassetta, sì, ma nà botte piccola ce stà er vino bbono. E lei è bbona. E poi, aa fine, prima d’addormimme, me faccio na grappetta e me vedo Vespa. Mamma mia quanto m’aiuta a dormì er sor Bruno co quii plastichi de tutte e traggedie der monno…m’addormo come un ragazzino. E penso: certo, cazzo, che io so uno veramente ‘n formato.

Correlati

In questa categoria: Hollywood-Avetrana »

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]