Sabato, 06 Aprile 2013 09:44

Crisi Corea. Usa invierà aereo spia in Giappone per sorvegliare il nord

Scritto da

TOKYO - Gli Stati Uniti intendono inviare a breve termine in Giappone, per la prima volta, un aereo-spia a pilotaggio remoto Rq-4 Global Hawk, così da accrescere le proprie capacità di sorveglianza delle attività militari della Corea del Nord, che in apparenza si appresta a lanciare due missili balistici 'Musudan', in grado di raggiungere obiettivi posti fino a 4.000 chilometri di distanza.

Lo scrive oggi il quotidiano 'Sankei Shimbun', che cita fonti anonime del governo nipponico. Il ricognitore telecomandato e privo di equipaggio a bordo sarà schierato nella base aerea Usa di Misawa, situata nella prefettura settentrionale di Aomori.

Stando al giornale, il mese scorso Washington avrebbe informato l'alleato asiatico del suo piano, che prevede il dispiegamento del Global Hawk sul teatro operativo fra il giugno e il settembre prossimi: la data potrebbe peraltro essere anticipata alla luce dell'acuirsi della tensione nella penisola coreana. Munito di sofisticati sistemi di video-registrazione e di comunicazione, l'aereo-spia americano è in grado di mantenere un'altitudine massima di 18.000 metri, e ha un'autonomia superiore alle trenta ore di  volo in automatico.
Utilizzato due anni fa per seguire gli sviluppi della crisi nucleare nell'impianto giapponese di Fukushima Daiichi 1, gravemente danneggiato da un violento terremoto e dallo tsunami che ne fu generato, sarebbe in grado di osservare tutti i movimenti intorno alla centrale atomica nord-coreana di Yongbyon, riattivata quattro giorni fa. Attualmente tre esemplari del velivolo sono di stanza a Guam, la più meridionale delle isole Marianne, possedimento statunitense nell'Oceano Pacifico nord-occidentale che sarebbe nel mirino dei 'Musudan' di Pyongyang.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]