Lunedì, 19 Gennaio 2015 17:47

Buenos Aires. Trovato morto procuratore che indagava su attentato anti-semita del ’94. VIDEO

Scritto da

BUENOS AIRES - Il procuratore Alberto Nisman è stato trovato morto nel suo appartamento di Buenos Aires. Nisman indagava da dieci anni sull’attentato anti-semita del ’94 e avrebbe dovuto presentare al Parlamento questo lunedì, le accuse avanzate appena qualche giorno fa contro la Presidente Cristina Fernandez.

Secondo il Pm, il capo di Stato avrebbe cercato di coprire alcuni responsabili iraniani per questioni economiche. “Posso confermare che c’era un’arma, una calibro 22 -ha dichiarato il procuratore incaricato delle indagini. Posso confermare che è morto in seguito a un colpo d’arma da fuoco, ma non posso confermare ulteriori dettagli. Ci vorrà ancora qualche giorno”. L’attentato del ’94 all’Associazione Mutualità Israelita Argentina, AMIA, provocò 85 vittime e oltre 200 feriti. Un attacco per il quale la giustizia argentina accusò l’Iran e gli Hezbollah nel 2013. Lo stesso anno in cui la Presidente creò una commissione congiunta tra Argentina e Iran. Una mossa criticata da Israele e dai famigliari delle vittime, secondo i quali si correva il rischio di coprire i responsabili. Nisman, mercoledì, aveva accusato la Presidente di aver rallentato le indagini a favore dell’Iran in modo da normalizzare le relazioni bilaterali e ottenere in cambio petrolio. Accuse “ridicole” secondo il capo di gabinetto del governo, Jorge Capitanich.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]