Mercoledì, 17 Agosto 2016 09:50

Migranti. La Slovenia si prepara al peggio, filo spinato al confine

Scritto da

LUBIANA- Per il forte timore che la rotta migratoria balcanica possa essere riattivata ad autunno, la Slovenia si sta intensamente preparando per un nuovo impatto migratorio, incluso il mantenimento del filo spinato a molti tratti di confine con la Croazia.

Secondo il quotidiano di Lubiana Dnevnik, il governo di Lubiana sta considerando tutta una serie misure per affrontare l'eventuale ondata migratoria. Negli scorsi giorni sono state organizzate riunioni di coordinamento a tutti i livelli decisionali e operativi. Il centro di accoglienza di Logatec ha ordinato nuovi container abitativi e tende per un totale di 5.000 mila metri quadri. Il filo spinato al confine della Croazia non è stato mai rimosso, e ora sono in corso lavori per la sua manutenzione, e non è escluso che sia ampliato. I preparativi in corso sono conseguenza dell'incertezza sulla tenuta dell'accordo Turchia-Ue sui migranti siriani, specie dopo il fallito golpe e il riavvicinamento di Ankara a Mosca. "Se la Turchia lasciasse passare alcune centinaia di migliaia di migranti in Grecia, tutti i Paesi sulla rotta balcanica non avranno possibilità di fermarli", ha detto un alto funzionario del governo, che ha chiesto l'anonimato. "La Slovenia si potrebbe trovare nella situazione di diventare un hot spot europeo dato che, a differenza dell'anno scorso, l'Austria e la Germania si rifiuteranno di accoglierli", ha concluso.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]