Visualizza articoli per tag: mafia

Giovedì, 06 Agosto 2015 11:35

Mafia, da Palermo a Roma

ROMA - Non c’è dubbio sul fatto che il rapporto tra la mafia e la gestione dei pubblici appalti è stata, dal punto di vista della nostra storia repubblicana (ma si potrebbe anche dire di quella che ha preceduto per un sessantennio abbondante la dittatura fascista, dall’Unificazione nazionale degli anni sessanta dell’Ottocento agli anni venti nel secolo successivo) decisiva per la costruzione del potere politico-mafioso che continua a conservare un notevole rilievo anche in questo difficile periodo che dovrebbe segnare nei propositi del presidente del Consiglio, segretario del PD Matteo Renzi.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Il contrasto alla criminalità organizzata sia «impegno di tutti», onorando la memoria di quanti hanno perso la vita per combattere la mafia.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - L'ortofrutta è sottopagata agli agricoltori su valori che non coprono neanche i costi di produzione, ma i prezzi moltiplicano fino al 300 per cento dal campo alla tavola anche per effetto del controllo monopolistico dei mercati operato dalla malavita in certe realtà territoriali.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - L'ortofrutta è sottopagata agli agricoltori su valori che non coprono neanche i costi di produzione, ma i prezzi moltiplicano fino al 300 per cento dal campo alla tavola anche per effetto del controllo monopolistico dei mercati operato dalla malavita in certe realtà territoriali.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

PALERMO - Apprendiamo con sdegno le incredibili e vergognose parole che, stando a quanto riferito da l’Espresso,  Matteo Tutino, primario dell’ospedale palermitano Villa Sofia, nonché medico personale di Rosario Crocetta, avrebbe pronunciato nel corso di una conversazione telefonica con il governatore della Sicilia”.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Roma Capitale. Di cosa? Roma specchio di un paese che si è illuso per un cambiamento che non è mai arrivato e che ora si scopre ostaggio di un comitato d’affari. Roma metafora di un’Italia di furbi e criminali e di una folla di “tengo famiglia”. Tutti gli altri servi, sudditi, numeri. Mucche da mungere.

Pubblicato in Fatti & Opinioni

PALERMO - Palermo chiama e oggi oltre 40.000 studenti di tutto il Paese, e un centinaio di ragazzi provenienti da Europa e Stati Uniti, hanno risposto unendosi in un unico coro nel ricordo delle stragi di Capaci e Via D''Amelio. '''Palermo chiama Italia''' è il titolo della manifestazione organizzata dalla Fondazione ''Giovanni e Francesca Falcone'', in collaborazione con la Direzione Generale per lo Studente del ministero dell''Istruzione, in occasione del 23mo anniversario della morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Ventitrè anni fa morirono a Capaci sull’autostrada che dall’aeroporto porta a Palermo: Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Francesca Morvillo, Vito Schifani e Giovanni Falcone. L’orologio della moglie del giudice si fermò alle 18,08. Un’ora della nostra triste storia. Il magistrato Falcone, uno come noi, con i problemi e i fallimenti di tutti, serviva lealmente lo Stato.

Pubblicato in Il punto
Martedì, 12 Maggio 2015 15:52

Latitanze facili sotto l'ombra di Cosa nostra

ROMA - C’era una rete per agevolare la latitanza del senatore Dell’Utri per i suoi rapporti con Cosa Nostra e dell’ex parlamentare reggino Amedeo Matacena. E l’uomo di Arcore non poteva non saperlo.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

BOLOGNA - "La verita' illumina la giustizia": e' lo striscione portato dai familiari delle vittime innocenti delle mafie in occasione della 20esima giornata della memoria e dell'impegno organizzata da Libera e da Avviso Pubblico.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

bianco.png