Visualizza articoli per tag: pdl

ROMA - Ci racconta un amico carissimo. Stava guardando “ Piazza Pulita”, nella stanza il figlio di otto anni che non era ancora andato a dormire.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - La scissione nel centro destra è fatta. Fino all'ultimo momento Silvio Berlusconi ha creduto che il suo figliol prodigo non gli avrebbe mai voltato le spalle, tanto  che in un'intervista, rivolgendosi ai fuoriusciti, diceva che era pronto ad accoglierli nuovamente a braccia aperte.

Pubblicato in Primo piano

37 senatori e 23 deputati costituiscono i nuovi gruppi parlamentari

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Gli ultimi tentativi di mediazione non hanno avuto i risultati sperati. Condizionante il pressing degli ‘Irriducibili’ guidati da Fitto e Santanchè

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Da Palazzo Chigi a Palazzo Grazioli,  dove è convocato l’ufficio di presidenza del Pdl, per decidere il<passaggio a Forza Italia. La via crucis di Angelino Alfano che Berlusconi vuole rottamare, direbbe Matteo  Renzi.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Intanto il premier all’Ue  avanza proposte  su immigrazione, telecomunicazioni e ricerca

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Ormai in questo Paese non c’è più da meravigliarsi di niente. Da “ Ballarò” Raffaele Fitto,il rivale, anzi nemico n.1 di Angelino Alfano,<lancia accuse brucianti contro segretario o coordinatore del Pdl, non si sa bene quale sia  il vero ruolo, fino a qualche tempo fa uomo di fiducia del cavaliere, vicepremier e ministro dell’Interno.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

Berlusconi diserta la seduta della Giunta del Senato che decide della sua decadenza

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Il compleanno. Sono ben 77 gli anni di Silvio, non porta bene al pregiudicato. Sta dilaniando il partito quello che c’è, il Pdl e pregiudica quello che verrà Forza Italia. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Domenica, 29 Settembre 2013 15:02

La crisi precipita

ROMA - Seguire, come faccio ormai da troppi anni la politica italiana,  assicura sempre il massimo di suspense. Ho chiesto ad amici molto diversi tra loro e di idee che non collimano quasi mai che cosa si aspettano dalla crisi politica in atto nel nostro paese dopo le dimissioni ordinate dall’uomo di Arcore ai suoi ministri suscitando persino le obiezioni motivate del piduista Cicchitto e quelle decise di Lupi e Quagliariello ma nessuno di loro è stato in grado di formulare ipotesi che sembrassero a loro stessi attendibili.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Pagina 1 di 8

bianco.png