Visualizza articoli per tag: proteste

NEW YORK - Weekend di proteste negli Stati Uniti, a pochi giorni dai festeggiamenti per l'Indipendence Day del 4 luglio. Domenica migliaia di persone marceranno in tutto il paese per chiedere l'impeachment del presidente americano Donald Trump. La protesta "7.2.2017" attraverserà Tutti gli stati dell'Unione, ma avrà uno dei suoi momenti centrali a New York.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

NEW YORK - Al motto di "non è il mio presidente" e "l'amore trionfa sull'odio" migliaia di dimostranti sono scesi nuovamente per strada in diverse città degli Usa per protestare contro il presidente degli Stati uniti neoeletto Donald Trump.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Sabato, 12 Novembre 2016 11:10

Usa, migliaia in piazza contro Trump

A Portland uomo ferito da colpo di pistola

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Giovedì, 10 Novembre 2016 08:46

Usa 2016. Effetto Trump, proteste in tutto il Paese

A Oakland: 30 arresti 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

DALLAS - Nuova notte di proteste negli Stati Uniti, dove le tensioni razziali restano altissime dopo l'uccisione di tre afroamericani da parte della polizia, l'ultimo a Houston, e la strage di agenti a Dallas.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

PARIGI- Si contano i primi feriti a margine degli scontri a Parigi durante il corteo sindacale contro la riforma del lavoro.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Martedì, 01 Settembre 2015 11:04

Ucraina. Scontri a Kiev, muore un secondo militare

141 persone ricoverate per scontri Kiev, 10 gravi

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

TEL AVIV - Dopo Gerusalemme la settimana scorsa, anche Tel Aviv è divenuta teatro della protesta degli ebrei di origine etiope contro quella che definiscono ‘‘la violenza razzista della polizia’‘.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

La Guardia nazionale è stata mobilitata a Baltimora per contrastare l’ondata di violenza che ha investito la città americana dopo la morte di un giovane di colore di Freddie Gray che era stato arrestato dalla polizia.

Pubblicato in Mondo
Domenica, 08 Marzo 2015 12:57

USA. Proteste dopo l’uccisone del ragazzo nero

MADISON (USA) - Diverse centinaia di persone sono scese in piazza anche ieri a Madison, nel Wisconsin, per protestare contro l''uccisione del giovane afroamericano Tony Robinson da parte della polizia il giorno prima. "Black Live Matters" (la vita dei neri conta), lo slogan scandito dagli attivisti che hanno attraversato la città, dal commissariato fino al punto in cui il ragazzo è stato ucciso.

Venerdì la polizia era stata chiamata intorno alle sei e mezzo di sera per una rissa e un problema di ordine pubblico. Il primo agente ad  arrivare, Matthew Kenny, bianco, 42 anni, da 12 in polizia, ha inseguito fino in un appartamento vicino la persona che gli era stata indicata come sospetta. Colpito al viso, il poliziotto ha aperto il fuoco. Robinson è morto poco dopo nell''ospedale in cui era stato ricoverato. Non sono state ritrovate armi, ma il capo della polizia di Madison Mike Koval ha dichiarato che è troppo presto per escluderne la presenza e definito quanto accaduto una "tempesta perfetta e  perversa". L''agente è stato messo in aspettativa.

L''uccisione del giovane nero Michael Brown a Ferguson nel Missouri lo   scorso agosto aveva scatenato proteste, anche a Madison, e aperto un   dibattito in tutto il paese, anche in seguito ad altri episodi di violenza da parte della polizia, sul comportamento delle forze dell''ordine nei confronti delle minoranze, sulla "repressione e violenza" denunciata ieri, in occasione del 50esimo anniversariod ella marcia di Selma, dallo stesso Presidente Barack Obama. Durante le proteste per gli eventi di Ferguson gli attivisti di Madison,  mobilitati per denunciare la morte di Brown, si erano già scontrati con la polizia locale accusata di "razzismo e pregiudizi strutturali".

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto
Pagina 1 di 4