PRIMO PIANO

ROMA - La scuola italiana è stata bocciata, almeno per quel che riguarda il precariato. La Corte di Giustizia Europea, infatti, in una sentenza che può definirsi storica, ha bocciato il sistema di ricorso continuo e  ingiustificato alle supplenze nella scuola. "La normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato è contraria al diritto dell'Unione. Il rinnovo illimitato di tali contratti per soddisfare esigenze permanenti, durevoli delle scuole statali non è giustificato".  Così recita la sentenza. 

ROMA - Nei giorni scorsi tutti abbiamo sentito parlare di rivolta nei quartieri periferici di Tor Sapienza a Roma e di Corvetto e San Siro a Milano, con la ormai rituale inflazione di titoli ad effetto sui giornali e di talk show televisivi, con politici starnazzanti, che poco o nulla focalizzano delle reali ragioni del disagio, che pure sono numerose.

ROMA - Le opere di Allen affondano le radici nell’inesauribile genio umoristico che appartiene solo agli scrittori ebrei, soprattutto gli ebrei americani. Come tutti loro (Singer, Bellow, Roth, Richler, Salinger solo per citarne alcuni),  Allen gioca con l’ironia, il sarcasmo, il caustico, a tratti colto, humour che gli americani snobbano da fin troppi anni.

 

ROMA - La minoranza del partito Democratico non ha dubbi e questa volta annuncia che non voterà a favore del Jobs Act.  

Martedì, 25 Novembre 2014 14:16

Sognando un Europa migliore con papa Francesco

Scritto da

ROMA - Chissà se a qualcuno, ascoltando il Papa parlare a Strasburgo davanti alla platea dei benpensanti della 'politica europea', gli è passato per la mente che forse  si starebbe stato meglio essere sotto la guida sensibile e saggia di un Francesco Bergoglio, il quale al contrario di rampanti politici sembra cogliere sempre il senso reale delle cose.

ROMA - L’onda dell’indignazione contro la violenza sulle donne  travolgerà domani giornali, televisioni, radio e social network: messaggi di sdegno, solidarietà, manifestazioni e cortei per le 179 donne vittime di violenza nel 2013, per quelle dimenticate, per quelle che verranno.

ROMA - L’Italicum è solo per la Camera dei deputati: era ben noto sin dal marzo scorso. Se si sciogliessero le Camere dopo la sua approvazione, ma prima della riforma costituzionale che elimina l’elezione dei senatori, si voterebbe la Camera con l’Italicum e il Senato con il Porcellum come uscito dalla Consulta (il Consultum o Consultellum). Questa combinazione sta in piedi? È ragionevole?

bianco.png