Giovedì, 15 Ottobre 2015 10:59

Volkswagen Italia nei guai. Perquisite sedi italiane, 6 indagati

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

ROMA - Una serie di perquisizioni aziendali della Guardia di Finanza sono scattate stamattina negli uffici della Volkswagen Group a Verona e della Lamborghini (gruppo Audi-Vw) a Bologna.

Le Fiamme gialle stanno operando su mandato della  Procura di Verona, che ha aperto un'indagine (ancora in fase embrionale) su una presunta frode sulle emissioni truccate anche in Italia. Il reato  ipotizzato dai pm è frode in commerci. Sarebbero 6 gli indagati tra i top manager di Volkswagen Italia.

Sull’indagine in corso sulta il Codacons. “E’ stata accolta in pieno la nostra istanza", afferma l’associazione consumatori. "Solo pochi giorni fa avevamo chiesto di disporre perquisizioni a tappeto nelle sedi italiane di Volkswagen e presso le abitazioni private di dipendenti e manager, allo scopo di acquisire documentazione circa lo scandalo delle emissioni falsificate, al pari di quanto disposto dalla magistratura tedesca. La nostra ipotesi - spiega l'associazione - era proprio quella di una possibile frode in commercio a danno dei consumatori, per la quale ci siamo rivolti alla magistratura e all'Antitrust".

"Se dalle indagini della Procura di Verona dovessero emergere illeciti, si rafforzerebbe ancor di più la class action avviata dal Codacons dinanzi al Tribunale di Venezia, che al momento registra la pre-adesione di oltre 12.000 automobilisti", conclude il presidente Carlo Rienzi.

Nel frattempo sul caso dieselgate l’Autorità federale dei trasporti tedesca Kba ha ordinato alla Volkswagen il richiamo di 2,4 milioni di veicoli in circolazione in Germania equipaggiati con il sistema per truccare le emissioni. "Stiamo per emettere l'ordine" ha spiegato il portavoce della Kraftfahrt-Bundesamt, aggiungendo che "riguarderà 2,4 milioni di veicoli" e che l'intero procedimento sarà monitorato dalla stessa Kba.La scorsa settimana Volkswagen aveva  annunciato un piano per iniziare a richiamare i veicoli con motore EA189 a partire dal gennaio 2016.

bianco.png