Lunedì, 23 Maggio 2016 16:59

Austria, vittoria dei Verdi. Van der Bellen incassa il 50,3%

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

VIENNA - Il leader dei Verdi Alexander Van der Bellen ha vinto le presidenziali in Austria con il 50,3%. Lo ha comunicato ministro interni austriaco.  Van der Bellen ha staccato il candidato ultranazionalista Norbert Hofer di 31.026 voti. Il verde è stato eletto con 2.254.484 voti (50,35%), mentre il suo rivale ha ricevuto 2.223.458 voti (49,65%).

L'ultranazionalista Norbert Hofer, che era dato come probabile vincitore, ha ammesso la sconfitta, dopo un ballottaggio che si è giocato sul filo del rasoio.

Le reazioni

La vittoria del candidato Verde alle presidenziali austriache fa "tirare un sospiro di sollievo" all'Europa e "certamente lo tiriamo anche noi italiani perché indubbiamente l'Austria è uno dei paesi con cui siamo più collegati, un paese vicino ed amico". Lo dichiara il ministro Paolo Gentiloni. Lasciando la riunione del Consiglio Esteri, definisce la vittoria di Van der Bellen "una notizia positiva" ma, aggiunge, "non dobbiamo sottovalutare che la metà degli elettori si è espressa in un altro senso". "Con una straordinaria e storica vittoria il Verde Van der Bellen, batte al fotofinish il leader della destra xenofoba Hofer”, ha detto Angelo Bonelli dei Verdi Italiani.

“La vittoria è straordinaria e importante per tutta l'Europa perché Van der Bellen ha fermato la destra xenofoba del FPO, i cui fondatori sono di chiara matrice nazista, e consente di dare forza alle ragioni di chi vuole lavorare per un'Europa diversa e salvare l'Europa stessa. E' una vittoria storica perché per la prima volta in Europa e in Austria abbiamo un capo di governo verde". 

E poi Bonelli aggiunge: "La vittoria del Verde Van der Bellen è un segnale preciso all'Europa e ai capi di governo per cambiare le politiche economiche, sociali e di lavorare per politiche di cooperazione, di sostenibilità sociale, ambientale e di pace con Europa con i paesi del sud del mondo se non vogliamo che posizioni xenofobe e anti europeiste diventino sempre più forti".

“Oggi è una bella giornata - conclude Bonelli- per l'Austria, per l'Europa, per i diritti e per la democrazia e grazie ai Verdi oggi in un paese importante come l'Austria non abbiamo assistito ad una deriva di destra che ha origini xenofobe e fasciste: wir lieben ™sterreich!".

bianco.png