Giovanni Mazzamati

Giovanni Mazzamati

URL del sito web: http://www.dazebaonews.it

Sfruttando il momento mediaticamente favorevole i parlamentari del Pdl hanno riproposto la discussione sul processo breve. L’obiettivo è togliere il Cavaliere dalle sabbie mobili nel quale è finito, impedendo che vengano celebrati i processi che lo vedono imputato

Martedì, 29 Marzo 2011 17:36

Ruby Rubacuori sul banco dei testimoni

La giovane marocchina fa parte della lista dei testimoni consegnata dalla Procura di Milano ai giudici. Anche il collegio difensivo di Berlusconi ha indicato la finta nipote di Mubarak come persona da ascoltare. Ai giudici la decisione finale sull’ammissibilità dei testimoni

MILANO - La decisione del gip di Milano di accogliere la richiesta di rito immediato avanzata dalla procura ha inferto un duro colpo a Berlusconi.

Decisione del gip milanese favorevole rispetto al giudizio con rito immediato per il Cavaliere.

ROMA – Alle 19 il Presidente del Camera dei Deputati Gianfranco Fini ha dichiarato che con 315 voti a favore, è stata negata la richiesta di autorizzazione alla perquisizione inviata dalla Procura di Milano. Un voto scontato, con un valore poco significativo dal punto di vista pratico e molto importante da quello politico.

ROMA – Tanto rumore per nulla. È questa la riflessione banale ma immediata che viene alla mente pensando alla vicenda del legittimo impedimento. Dopo la decisione della Corte Costituzionale, gli esponenti della maggioranza e dell’opposizione si sono impegnati a rilasciare le solite e sterili vagonate di dichiarazioni, senza essere capaci di spiegare ai cittadini ciò che era già emerso nei giorni scorsi, e cioè che, indipendentemente dalla sentenza della Consulta, i processi milanesi di Berlusconi finiranno per prescrizione.

ROMA – Non un sì, ma nemmeno un no. È questo l’esito della sentenza espressa dalla Corte Costituzionale in merito al legittimo impedimento, la norma che blocca i processi al Presidente del Consiglio ed ai ministri.

Si attende la sentenza sulla costituzionalità del legittimo impedimento, anche se per il Cavaliere si profilano assoluzioni per prescrizione

ROMA - A palazzo dei Marescialli i giudici dovranno pronunciarsi sulla costituzionalità del legittimo impedimento, la norma che blocca i processi al Presidente del Consiglio ed eventualmente ai membri del Governo. I bookmakers sicuri: la legge sarà dichiarata incostituzionale.

Mercoledì, 05 Gennaio 2011 22:30

Giudici di pace: due settimane di sciopero

In vista della presentazione in Cdm del provvedimento di riforma della magistratura onoraria il sindacato dei giudici di pace ha proclamato due settimane di sciopero. Solidarietà dall’Oua, critiche dal Governo

Pagina 1 di 3

bianco.png