Visualizza articoli per tag: Prandelli

ROMA - Con i mondiali in pieno svolgimento e nonostante la disastrosa eliminazione dell'Italia, non è passato inosservato il trasferimento lampo di Cesare Prandelli al Galatasaray, una  delle più importanti squadre turche. Tempo alcuni giorni dalle fulminee dimissioni  e dal rientro a casa che l'ex C.T. azzurro, senza neppure concedere un doveroso straccio di giustificazione, di spiegazione, di chiarimento  e, perché no, di scuse per la magra figura rimediata in Brasile di fronte a milioni di tifosi delusi e inviperiti, ha subito allacciato un nuovo, conveniente legame,  sottoscrivendo un contratto biennale (2 milioni annui) addirittura superiore a quello appena vergato solo in aprile con la nostra Federazione e immediatamente disdettato al 91' dopo la debacle con l'Uruguay.

Pubblicato in Fatti & Opinioni

 

E' stata una disfatta 

Alla fine, dopo  essere stata rispedita a casa l'Italia, per conseguente coerenza, si sono subito dimessi Prandelli, da allenatore di una squadra del  tutto  inesistente o, peggio, mai esistita, e Abete, da presidente  di una Federazione quanto meno improvvida nel gestire l'operazione mondiali 2014. 

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Lunedì, 28 Maggio 2012 15:10

Corruzione e criminalità non è solo calcio

Il calcio ribolle. Prandelli si fa in quattro per mettere insieme una nazionale che si possa giocare gli Europei. Tenta, perfino, di riportare alla ragione un grande  calciatore come Balotelli abituato a farsi male per conto proprio.

Pubblicato in Il punto

bianco.png