Visualizza articoli per tag: abito

Martedì, 19 Giugno 2012 15:44

William & Kate. La francescana arte del riciclo

LONDRA - Angelina Jolie in questi giorni si trova a Londra mentre in Inghilterra Brad Pitt  è impegnato nelle riprese del film “Maleficent”,  il kolossal Disney in versione live-action che rivisita la fiaba della Bella addormentata.  

Pubblicato in Life & Style
Etichettato sotto

ROMA - Da ieri è stata notificata la chiusura del filone d'inchiesta Rubygate da parte dei Pm della Procura di Milano e oggi sulla Repubblica appare l'intervista rilasciata da Silvio Berlusconi, proprio su quel quotidiano che lo stesso premier querelò per le famose dieci domande a cui non diede mai risposta in seguito alla sua partecipazione al diciottesimo compleanno di una ragazzina di Casoria: Noemi Letizia.

Pubblicato in Primo piano

MILANO - La decisione del gip di Milano di accogliere la richiesta di rito immediato avanzata dalla procura ha inferto un duro colpo a Berlusconi.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA -Oggi la Procura di Milano ha presentato al Gip la richiesta di giudizio immediato per Silvio Berlusconi, poichè esiste la tangibile evidenza delle prove raccolte dagli inquirenti.

Pubblicato in Primo piano

ULTIMORA - La procura di Milano si appresterebbe a chiedere il giudizio immediato nei confronti del premier Silvio Berlusconi per entrambi i reati formulati nei suoi riguardi, vale a dire concussione e prostituzione minorile.  

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Sembrava che oggi arrivasse dai Pm milanesi la richiesta di giudizio immediato per il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, indagato per due reati distinti tra loro: concussione e prostituzione minorile nell'inchiesta Ruby.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Arrivano nuove sorprese nell'inchiesta del caso Ruby, nella quale Silvio Berlusconi è indagato per concussione e prostituzione minorile.

Pubblicato in Primo piano

MILANO – La più odiata dai berlusconiani e dai giornali di famiglia. Non solo donna lontana mille miglia dallo stereotipo in gran voga a Mediaset, non solo magistrato ma anche con i capelli rossi che, nell’immaginario collettivo berlusconiano, sono il segno inequivocabile di una indelebile compromissione con i “comunisti”, quelli che vorrebbero vedere il Caimano marcire finalmente in galera.

Pubblicato in Primo piano

MILANO – Ancora una volta il Caimano risponde ai magistrati milanesi, che lo vogliono a giudizio brevissimo per concussione e prostituzione minorile, con il coltello fra i denti. “Questa volta è stato superato ogni limite. Il fango ricadrà su chi utilizza la giustizia come arma politica”.

Pubblicato in Primo piano

bianco.png