Visualizza articoli per tag: ilva taranto

Venerdì, 10 Giugno 2016 13:22

Chi acquista l'Ilva avrà l'immunità penale

ROMA -  Con il decimo decreto salva Ilva chi acquisterà l'acciaieria avrà l'immunità penale, non sarà obbligato a fare le bonifiche, potrà cambiare il piano ambientale e sanitario e per ultimo concede ulteriore proroga di 18 mesi per la realizzazione delle prescrizioni ambientali e quindi strettamente connessi alla salute, in questo modo si dà una spallata definitiva alle fondamenta dell'ordinamento giuridico italiano.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Solo in Italia può accadere una cosa del genere: com’è possibile che informazioni importantissime per la salute dei cittadini non vengano rese noti nei termini previsti?

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

TARANTO - Mentre il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, fa visita allo stabilimento, all'Ilva di Taranto prosegue il piano di gestione della crisi con il ricorso ai contratti di solidarietà.

Pubblicato in Lavoro

ROMA - In nome del popolo inquinato e ammalato, ingiustizia è fatta: la camera dei Deputati oggi ha convertito in legge il decreto su Ilva, il settimo in quasi tre anni, che condanna la popolazione di Taranto a vivere con la diossina e con i veleni.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Martedì, 03 Marzo 2015 16:19

Ilva. Ok al decreto che sa di incostituzionale

ROMA - E' passato anche il decreto sull'Ilva alla camera con  284 sì, 126 nodel M5S, Lega e Sel e 50 astenuti tra forza Italia e Fdi. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

TARANTO - Agli scempi ambientali, Taranto risponde con la democrazia.  Robert Owen e altri socialisti utopisti non avrebbero potuto chiedere di meglio, forse gli spartani avrebbero accusato i tarantini di essere filoateniesi, ma quelli erano altri tempi.
L’indifferenza della cittadinanza non è sicuramente un problema esclusivo del capoluogo jonico, eppure chi conosce Taranto conosce perfettamente l’indolenza che la città si portava dietro.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

TARANTO - L’Ilva di Taranto è stata condannata a pagare 18 mensilità al proprio dipendente Marco Zanframundo, lavoratore in forza al Mof, Movimento ferroviario dello stabilimento siderurgico e delegato dell'Unione sindacale di base. Zanframundo era stato licenziato lo scorso 3 settembre per violazioni in materia di sicurezza. Nel ricorso il sindacato aveva chiesto la riassunzione del dipendente, ma il il magistrato Sebastiano Gentile ha deciso invece per il non reintegro optando per l’indennizzo del licenziato.

Pubblicato in Lavoro

ROMA - Per la  Procura di Taranto Emilio Riva e i suoi figli Nicola e Fabio (rifugiato in Inghilterra in attesa di giudizio di appello sull’estradizione), proprietari dell’Ilva,  insieme all’ex direttore dello stabilimento Luigi Capogrosso, devono essere processati.  I Pm hanno infatti oggi richiesto il rinvio a giudizio per 50 persone e tre società.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - La vicenda giudiziaria dell’ILVA di Taranto si allarga. Tra gli indagati oltre alla famiglia Riva e al suo management, ci sono altre 53 persone. Tra questi c’è il presidente, i consiglieri e un’assessore della regione Puglia, il direttore dell’Arpa, il sindaco di Taranto, un deputato, alcuni consiglieri del ministero, un sacerdote, un carabiniere ed altri.

Pubblicato in Ambiente & Lavoro
Etichettato sotto

ROMA – Governo e sindacati in prima linea per tutelare le 1.400 maestranze  licenziate dopo la chiusura lungo la penisola degli stabilimenti Riva acciaio.   Tra le ipotesi sul tavolo del ministro dello Sviluppo economico, Flavio  Zanonato,  c’è in primo luogo quella della cassa integrazione.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Pagina 1 di 3

bianco.png