Visualizza articoli per tag: pdl

ROMA - Non sono affatto d'accordo con la reazionaria proposta di Silvio Berlusconi. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin non ha dubbi e annuncia le dimissioni dal suo partito "per coerenza politica nei confronti di chi mi ha indicato come ministro di questo Governo".

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 26 Settembre 2013 20:05

Napolitano, Pdl inquietante. Letta, subito la verifica

ROMA - Sembra proprio che si sia arrivati all’ atto finale nella vita della maggioranza dalle larghe intese. Infatti appena tornerà da New York, il premier Enrico Letta chiederà un’immediata verifica di governo. A darne notizia è l’agenzia Ansa, le fonti sono dei parlamentari che fanno parte della maggioranza.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 26 Settembre 2013 16:09

Pdl, dimissioni di massa. Ora la palla passa al Pd

ROMA - Dunque se la giunta per le elezioni del Senato fa decadere Silvio Berlusconi, la nuova Forza Italia presenta le dimissioni di massa di tutti i suoi parlamentari. Bene. Punto primo: chi garantisce a Berlusconi che tutti i suoi daranno davvero le dimissioni?

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ULTIM'ORA - ROMA - La Giunta per le Immunità del Senato ha respinto la relazione di Andrea Augello (Pdl). La relazione di Augello, che aveva proposto alla Giunta per le elezioni e le immunità del Senato, la convalida del seggio di Silvio Berlusconi nonostante la condanna per frode fiscale è stata bocciata con 15 voti contrari. Hanno votato contro la proposta i senatori Pd, M5S, Scelta civica, il socialista Enrico Buemi e il presidente della Giunta, Dario Stefàno (Sel).  Lo stesso Stefàno, in conseguenza della bocciatura della proposta Augello, ha indicato se stesso come nuovo relatore. Si apre ora la procedura di contestazione nella quale, se lo riterrà opportuno, Berlusconi potrà produrre una nuova memoria difensiva.

Pubblicato in Primo piano
Sabato, 14 Settembre 2013 17:43

Berlusconi. Verso il voto palese, il Pdl isolato

ROMA - Contro il voto segreto sulla decadenza di Silvio Berlusconi. E' questa l'ipotesi lanciata alla quale stanno aderendo in massa i partiti, mettendo di fatto in isolamento il Pdl. Insomma, dal Movimento 5 Stelle, ieri, alla Lega Nord, dal Pd a Sel, oggi la parola d'ordine è  "voto palese", ovvero dare un volto e un nome a coloro che intendono salvare il cavaliere, già condannato in Cassazione a quattro anni di reclusione sul processo Mediaset.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 12 Settembre 2013 15:10

Perché il PdL non espelle Berlusconi?

Poveri noi! Siamo sommersi dalla quantità di bla… bla… bla…  che da mesi vengono gettate a vagonate su noi disgraziati cittadini di questo  amato paese. E’ davvero incredibile quanto sta accadendo. Il mondo pone attenzione a possibili rischi di guerra in Siria, le cancellerie e i governi dei vari paesi  cercano (affannosamente e spesso con risultati del tutto deludenti) di trovare soluzioni per fuoriuscire dalla gravissima crisi economica che investe larga parte degli stati, siamo responsabile del cambiamento del clima del pianeta e non siamo capaci di dare risposte adeguate anche attraverso nuovi modelli e stili di vita e di sviluppo, la fame e la guerra sono motori che girano a piena potenza per sostenere  le migrazioni dei disperati.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Berlusconi sembra sia stato convinto  dalle “ colombe” ad abbassare i toni. Merito anche dei figli, pure  di quelli avuti con Veronica. Barbara   lo  difende :. “ Non è un delinquente-ha detto- ma un imprenditore e un uomo politico” E merito del vertice Mediaset a partire da Confalonieri., preoccupati per l’andamento delle azioni.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Giovedì, 05 Settembre 2013 18:28

Governo. Chi staccherà la spina?

ROMA - Ormai la sorte del governo sembra appeso al gioco della margherita. Soltanto che il nocciolo della questione è ancora una volta legato alla decadenza o meno di Silvio Berlusconi. In altri Paesi avrebbero già liquidato la questione, ma in Italia la maggioranza continua ad essere ostaggio di un Pdl ostinato che vuole salvare il suo leader a tutti i costi. 

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Il governo alla prova dell’Imu. Domani, mercoledì, il consiglio dei ministri dovrà votare il decreto. La scadenza il 31 di agosto quindi non c’è più tempo da perdere.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Lo spettro di Berlusconi si agita,perseguita il nostro Paese, ci tormenterà fino al 9 settembre quando si riunisce la Giunta per le elezioni di Palazzo Madama  con all’ordine del giorno la decadenza da senatore dell’ex premier.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

bianco.png