Martedì, 25 Marzo 2014 21:30

Atac. A rischio sicurezza Lavoratori front-line. La protesta dei sindacati

Scritto da

ROMA - "L'aggressione subita da un operatore della stazione metro di Piramide nella serata di venerdì scorso ripropone drammaticamente il problema della sicurezza delle lavoratrici e lavoratori che svolgono in Atac attività di front-line".

Così, in una nota, Marco Capparelli, Gianluca Donati, Simona Rossitto e Valentina Iori, segretari di Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Fna di Roma e del Lazio. "A causa di scelte aziendali quantomeno opinabili - aggiungono - si è aggravato, negli ultimi anni, il rischio per i dipendenti che si trovano ad operare in luoghi isolati o in situazioni particolarmente difficili. Il personale di stazione, in particolare, è stato abbandonato completamente a se stesso. C'è stato un notevole ridimensionamento della vigilanza nelle stazioni della metropolitana senza contestuali investimenti di risorse nella sicurezza o nella riorganizzazione del lavoro almeno nelle stazioni “a rischio”, in un contesto che registra escandescenze quotidiane dei clienti alle prese con i disservizi e un continuo aumento delle aggressioni".

"A fronte dei molti articoli apparsi sulla stampa, che in alcuni casi riprendono i tuwit dell’utenza contro l’immagine e l’operato del personale di front-line, contribuendo ad alimentare un’assurda insofferenza nei confronti di chi indossa la divisa Atac - proseguono - non si ha notizia di alcuna comunicazione aziendale a tutela e salvaguarda dei propri dipendenti. Anzi: Atac continua a incoraggiare le segnalazioni tramite i social network, scaricando sulle lavoratrici e lavoratori il penoso stato del servizio offerto. Sicuramente, dopo il cambio di guardia al Campidoglio e i buoni propositi annunciati dalla nuova giunta, ciò che questa classe dirigente e la proprietà offrono alle lavoratrici e ai lavoratori e alla cittadinanza non sembra ispirato né alla razionalizzazione della spesa né alla giustizia né alla meritocrazia. Il taglio al numero dei dirigenti, ai super minimi e ai vari privilegi resta lettera morta e l'unico taglio davvero effettuato ha riguardato la sicurezza. Questo non è tollerabile". "Sin d'ora - concludono - ci attiveremo per richiamare l'attenzione dell’azienda e della proprietà sulla gravità della situazione anche in vista dello sciopero di 24 ore del 7 aprile, proclamato per rivendicare una riorganizzazione e un rilancio del trasporto pubblico e privato a Roma e nel Lazio".

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]