Giovedì, 26 Luglio 2018 14:32

L’era del microbiota: a Milano una tre giorni per fare il punto sulla ricerca

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Una tre giorni interamente dedicata al microbiota, per fare il punto sulla ricerca e le più recenti e future applicazioni nell'ambito terapeutico, dalle malattie infiammatorie alle patologie del sistema nervoso.

L'appuntamento è dal 5 al 7 novembre all'università di Milano-Bicocca, dove si svolgerà 'MicrobiotaMi 2018', meeting internazionale al quale prenderanno parte scienziati e giovani ricercatori. L'evento è organizzato con il patrocinio dell'Ateneo nell'ambito del ventennale, come atto finale all'interno del progetto europeo Marie Curie-European Training Networks Tollerant, coordinato da Francesco Peri, ordinario di Chimica organica di Milano-Bicocca. Il meeting "si concentrerà sui meccanismi e sulle interazioni molecolari in condizioni di salute e malattia - spiega Peri - compresi aspetti nutrizionali, sensibilizzazione, comunicazione intestinale, invecchiamento, cancro, infiammazione cronica, autoimmunità. Spiegheremo come, andando a operare sul microbiota, si possano individuare nuove terapie efficaci e specifiche contro alcune patologie, come alcuni tipi di sindromi infiammatorie e di tumori". 

Il microbiota, soprattutto quello del tratto gastro-intestinale - spiegano gli esperti - comunica con il resto dell'organismo attraverso un linguaggio chimico fatto di molecole, e questa comunicazione è bidirezionale. La salute del nostro organismo è determinata in modo fondamentale dal cibo che influisce sulla composizione del microbiota intestinale, che a sua volta influenza una serie di organi e funzioni, secondo i cosiddetti assi intestino-cervello, intestino-fegato, intestino-pelle. L'interesse scientifico, negli ultimi anni, si è spostato dalla caratterizzazione di queste popolazioni di microorganismi allo studio delle molecole che fanno da messaggeri della comunicazione tra microbiota e corpo umano. Dalla conoscenza di questi meccanismi e di queste molecole, i ricercatori si aspettano, in un tempo relativamente breve, la scoperta di nuove e specifiche strategie terapeutiche e mediche riguardanti malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, e patologie del sistema nervoso centrale come l'autismo e l'epilessia. 

Read 2472 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]